L’AQUILA PIANGE OPERAIO 28ENNE, VITTIMA DI TRAGICO INCIDENTE IN SELLA ALLA SUA MOTO

31 Agosto 2021 08:25

L'Aquila: Cronaca

L’AQUILA – Tragedia sulla strada a L’Aquila, una giovane vita che è volata via. A morire, ieri pomeriggio, Lorenzo Tatananni di 28 anni dell’Aquila, caporeparto della Vibac Spa al nucleo industriale di Bazzano.

Per cause ancora in corso di accertamento, intorno alle 18, la sua ducati  Monster si è scontrata violentemente contro  una Opel Corsa lungo la strada statale 5 bis, nei pressi della frazione di Bagno, all’altezza della concessionaria di automobili.

Per il 28enne non c’è stato nulla da fare, è morto sul colpo, sbattendo contro la palina di un cartello stradale, disarcionato dalla moto a seguito dell’impatto, dopo un volo di circa cinque metri.

L’auto era guidata da un anziano, che non ha riportato gravi ferite, ed è sotto shock. L’uomo è indagato per omicidio stradale.

Lorenzo è figlio unico e ha perso la madre portata via da una grave malattia. Il padre Giorgio è un tecnico specializzato che lavora alla Thales Alenia Space.

La salma è stata messa a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica Guido Cocco, e si è in attesa della nomina dell’anamopatologo che effettuerà l’autopsia.

Tra i primi, come riferisce il quotidiano Il Messaggero, i volontari delll’associazione Pivec che stavano operando nella zona e a stretto giro il 118, i Vigili del fuoco e la polizia municipale che ha deviato il traffico su strade secondarie, e, qualche minuto dopo, anche alcuni parenti.

Tanti i messaggi postati sulla sua pagina facebook, degli amici affranti  e con il cuore spezzato per la perdita di una persona solare e ben voluta da tutti.

“Che dio si prende le persone migliori … ma speciali e uniche come te.. buone di animo di cuore. Sempre con il sorriso e sempre a disposizione di aiutare gli altri”.

“Sei e resti il ragazzo più dolce e solare del mondo. Lollo ti mando un abbraccio fin lassù”.

“Di tutti gli scherzi che mi hai fatto…questo è di gran lunga il più brutto…ci siamo salutati alle 16.30 di oggi con la promessa di rivederci e invece…io che mi sono sempre sentito orgoglioso di farti da fratello maggiore, apprensivo e riempiendoti le orecchie sempre di “mi raccomando stai attento” ,sapendo che in un lontano domani saremmo rimasti io e te, adesso mi hai lasciato da solo, Si mi hai lasciato solo. Io che ti ho fatto diventare “Zio Lollo”.

 

 

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: