L’AQUILA: STRADE PERICOLOSE, “TRA PAGANICA E CAMARDA SERVONO GLI AUTOVELOX, CORRONO IN TROPPI”

17 Maggio 2021 08:17

L’AQUILA – “Sulla strada da Paganica e Camarda servono dissuasori ed autovelox”. A chiederlo, attraverso AbruzzoWeb, non sono soltanto alcuni cittadini, ma anche dei turisti che hanno scelto in di visitare questo fine settimana lo splendido santuario della Madonna d’Appari, nella frazione aquilana di Paganica, sulla strada statale 17bis.

Turisti rimasti letteralmente scioccati dalla totale mancanza di rispetto dei limiti di velocità, da parte di più di qualche automobilista e motociclista, in una zona fatta di curve strette e poco spazio per manovre da attuare in caso di pericolo, sorpassi compresi.

“Premesso che è fondamentale rispettare sempre e in qualsiasi tipo di strada regole e limiti di velocità – dicono a questo giornale due turisti romani che conoscono bene l’area – c’è da dire che esistono situazioni più complicate di altre. E questa strada, che è in un territorio meraviglioso frequentato da chi ci vive, da turisti, da chi fa arrampicata sportiva, ma pure da semplici avventori che si fermano per un po’ a respirare un’aria incredibilmente pulita e ad ammirare bellezze culturali, storiche e naturalistiche, rischia, se non presta estrema attenzione alla guida di qualsiasi mezzo, di rivelarsi mortale”.

“Ci chiediamo come mai non si sia ancora provveduto ad installare autovelox e dissuasori per costringere chi guida auto, moto e altri mezzi ad andare piano, a non effettuare sorpassi azzardati, insomma, a rispettare le regole. È un luogo in cui basta una minima disattenzione per fare una strage”, concludono.

Sul tema, molto sentito all’Aquila per via delle tante vittime di gravissimi incidenti, la scorsa settimana il Consiglio comunale ha approvato una mozione sulla tutela della sicurezza stradale dei residenti e dei conducenti nelle frazioni e nelle principali arterie della viabilità (firmatari Francesco De Santis e Roberto Junior Silveri, Lega; Giorgio De Matteis, Marcello Dundee e Berardino Morelli, Forza Italia), discussa ma non votata nella precedente seduta per mancanza del numero legale. Roberto Santilli

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: