LAVORI DI CONSOLIDAMENTO RAPINO: SINDACO, “MINORANZA PROCURA FALSI ALLARMI”

16 Ottobre 2021 13:13

Chieti: Abruzzo

RAPINO – “Il procurato allarme presso le Autorità è un reato punito dal codice penale con l’art. 658. E niente ha a che vedere con il diritto di critica politica. Con un articolo che mostra tutta la loro incompetenza in materia di lavori pubblici e di rispetto del diritto, i consiglieri di minoranza Simone Amoroso e Amedeo Pasquale, unici in carica, hanno probabilmente violato un cantiere ancora in essere,  al solo fine di  paventare pericoli per l’incolumità pubblica, mostrando piccole crepe sulla superficie di riempimento in breccia di un terramesh e non ancora ultimata, dovute alla pioggia di questi giorni e al necessario assestamento dell’opera. Infatti i lavori di consolidamento della frana che ha interessato un versante del Centro Storico, sono ancora in atto. E nessun estraneo, non autorizzato dal Direttore dei  lavori, può accedervi, neanche se è un consigliere comunale”.

Così in una nota il sindaco di Rapino Rocco Micucci, sui lavori di consolidamento del paese.

“Quanto dichiarato dai Consiglieri di minoranza in un recente articolo di stampa, immagino gli unici rimasti Simone Amoroso e Amedeo Pasquale dato che non si firmano, non corrisponde assolutamente al vero. – dichiara il Sindaco Micucci – Infatti i lavori, realizzati come riconosciuto implicitamente in tempi record, non sono ancora conclusi. Primo perché hanno bisogno proprio di un periodo di assestamento, data la tipologia complessa di intervento, come mostrano chiaramente le foto, secondo perché la parte realizzata, alla quale seguirà la copertura con inerbimento e ricostruzione della strada, necessitava del collaudo. Ed è incredibile come questi consiglieri non ne azzecchino una: infatti l’opera è stata collaudata Staticamente dall’ing. Luca Di Santo con Certificato di Collaudo Statico acclarato dal Genio Civile con Numero protocollo 0402063/21 e data 14/10/2021. Praticamente lamentano che l’opera avrebbe problemi un giorno dopo che è stata certificata la regolare esecuzione! A dimostrazione ancora una volta della totale disinformazione di questi soggetti e della bontà invece dei lavori eseguiti”

“In merito alle illazioni che precedenti lavori risalenti ad oltre 15 anni fa non sarebbero stati fatti a regola d’arte per cui si sarebbe dovuti intervenire di nuovo, ma nel frattempo il capogruppo della minoranza Simone Amoroso ha anche amministrato 5 anni incapace di apportare un solo euro di intervento sullo smottamento, non corrisponde affatto al vero. Infatti proprio i lavori a suo tempo fatti, con fondi limitati, grazie alla  zattera di cemento e pali nel terreno realizzati , hanno salvato dal pericolo di crollo quella parte di Centro Storico. Mentre l’attuale smottamento, oggetto dell’intervento è a monte di quello precedente –  continua il Primo Cittadino -. Mentre invece l’attuale opera ha previsto la riconfigurazione del profilo del versante, con coronamento della quota sommitale di Via Roma, ed è stata eseguita mediante realizzazione di una struttura di sostegno in terra rinforzata rinverdibile, quindi ecosostenibile, costituita da elementi di armatura planari orizzontali modulari del tipo “terramesh” con lunghezze di ancoraggio standard di m. 3,00 ed idonee geogriglie di rinforzo da 300 kN/m. per contenimento degli sforzi tangenziali e sismici.  Sottolineo gli aspetti tecnici per far comprendere di quale importanza e grandezza sia l’opera messa in discussione e la differenza con chi genera inutili allarmismi senza fondamento.”

“Ottenuto il collaudo del Genio Civile, – conclude il Sindaco Micucci – ora si potrà ora proseguire i lavori, come da Progetto e Contratto, con strato di terreno vegetale e piantumazioni nonché tutto il rilevato sarà idroseminato e sarà effettuato anche il rifacimento in porfido e asfalto di tutto il tratto finale di via Roma, restituendola finalmente all’utilizzo pubblico. Un’opera fiore all’occhiello di questa Amministrazione, per tempi e modi con cui è stata realizzata, che mette definitivamente in sicurezza quel tratto di Centro Storico. Cui seguiranno altri lavori perché il Comune di Rapino ha ottenuto già quasi un altro milione di euro per proseguire le opere di consolidamento e altri 120 mila euro per proseguire con la prgettazione di altre opere di consolidamento che interessano l’abitato di Rapino. Credo che prima di scrivere ed allarmare i cittadini, qualcuno la prossima volta dovrà riflettere se non vuole rendersi ridicolo, oltre che incorrere nella possibilità di compiere reati.”

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: