LE ABRUZZESI DEL BASKET: CHIETI LOTTA MA PERDE CON PIACENZA, ROSETO SI AGGIUDICA DERBY CON IL TERAMO

di Alessandro Germano

25 Aprile 2022 09:20

Chieti: Abruzzo

CHIETI – Nel campionato di basket serie A2 la a Lux Chieti lotta, ma Piacenza si aggiudica l’incontro. In serie B il Roseto si aggiudica il derby contro Teramo, mentre sprofonda Giulianova contro la LUISS Roma.

SERIE A

Arriva la seconda sconfitta consecutiva per la ux Chieti Basket contro la Bakery Piacenza, che si è imposta al PalaTricalle con il punteggio di 64-77.

I ragazzi di coach Calvani, nonostante le numerose assenza, hanno dimostrato fino all’ultimo di voler vincere la gara, ma gli ospiti, spinti da uno splendido Raivio, si sono aggiudicati la vittoria.

L’avvio di gara per i teatini è traumatico, le due triple di Bonacini, ed i canestri di Morse, fissano in poco più di 4 minuti, il punteggio sullo 0-10. A sbloccare il punteggio per i teatini è il centro Tsetserukou, che concretizza un 2+1, ma gli ospiti al minuto 8:10 toccano un primo massimo vantaggio di 13 punti, ancora con la realizzazione di Bonacini. Sul finire del quarto sono bravi i biancorossi, spinti da Sims e Tsetserukou, a piazzare un parziale di 7-0, e andare a riposo sul 12-18.

Al rientro in campo, Sims, accorcia le distanze per i teatini, che distano ora solo 4 punti (14-18). Chinellato però inizialmente riporta i suoi sul +6, ma la risposta di Dincic arriva puntuale (18-22), e coach Campanella chiama timeout al minuto 11:35.

I teatini, con Bartoli e l’1/2 di Tsetserukou, raggiungono la parità (22-22).

La Bakery però si sblocca con Raivio, e grazie al canestro di Morse, tornano a due possessi di vantaggio (24-28). I padroni di casa con l’1/2 di Dincic ed il canestro di Sims, tornano a solamente un punto di distanza (27-28), ma gli ospiti provano di nuovo la fuga, dopo aver piazzato un parziale di 1-9 (28-37).

La tripla di Bartoli ed il canestro di Dincic però spaventano coach Campanella, che al minuto 19:03 chiama il minuto di sospensione. Sarà però il canestro di Raivio a riportare la Bakery sul +6, chiudendo il secondo quarto sul punteggio di 35-41.

L’avvio di terzo quarto non è dei migliori per i teatini, che faticano a trovare il canestro, al contrario Piacenza, spinta da Raivio, si riporta sul +9 (37-46).

Gli ospiti continuano a spingere, e con il canestro di Venuto, e l’ennesima bomba di Raivio allungano a +12 (39-51) e costringono coach Calvani ad interrompere il gioco al giro di boa del terzo quarto.

I teatini allora serrano la difesa, e guidati da un Dincin spaziale, che realizza due triple consecutive, si riportano a contatto con i piacentini (51-53), quando manca meno di un minuto alla fine del quarto. Bonci prova ad allungare, ma il canestro sulla sirena di Tsetserukou fissa il punteggio del terzo quarto sul 53-55.

Ad inizio quarto periodo l’inerzia è dalla parte dei biancorossi, che con Dincic, Bartoli e Tsetserukou non solo riescono a pareggiare, ma anche andare +4 sul punteggio (59-55).

Gli ospiti si rifanno avanti con Donzelli e Venuto (59-60), ma la tripla realizzata da Bartoli al minuto 33:37, costringe coach Campanella al timeout.

Un’ingenua palla persa da Klacar propizia il canestro di Donzelli, che riporta i suoi in parità (62-62), e coach Calvani decide di interrompere il gioco quando mancano 5 minuti alla fine della gara. I teatini si rifanno avanti con Sims (64-62), ma le energie della LUX sono terminate, e gli ultimi 6 minuti rimanenti sono a chiare tinte piacentine. Gli uomini di coach Campanella, con un parziale di 0-13, si porteranno a casa la gara con il punteggio di 64-77.

I teatini, non sono riusciti ad avere la meglio, nonostante la buonissima prova del duo Dincic-Bartoli, il primo autore di 24 punti, il secondo di 18 punti. In doppia cifra con 10 punti anche l’americano Sims ed il giovane centro Tsetserukou.

Per la Bakery Piacenza spicca sicuramente la prova dello statunitense Raivio, autore di 22 punti, seguito dalla coppia Bonacini-Morse, entrambi autori di 12 punti, infine in doppia cifra anche l’esperto playmaker Venuto con 10 punti.

Prossimo, ed ultimo, incontro della fase ad orologio, si terrà domenica, 1 Maggio, con la LUX Chieti Basket impegnata nella trasferta contro la Urania Milano, presso il PalaLido Allianz Clou.

SERIE B

La ventottesima giornata del campionato di serie B ha visto uscire vincitrice la Liofilchem Roseto, nel sentito derby contro la Rennova Teramo, con uno schiacciante 86-55. Arriva invece l’ennesima sconfitta per la Giulia Basket Giulianova nell’importante scontro con la LUISS Roma che si è imposta per 86-64.

La classifica del girone C, dunque, si presenta così: la Liofilchem recupera la testa della classifica, con 44 punti e supera la RiveraBanca Rimini, seconda con 42 punti (con una partita da recuperare), gli stessi della Real Sebastiani Rieti.

La Rennova Teramo invece, nonostante la sconfitta rimane all’undicesimo posto con 24 punti, seguita dalla Tigers Cesena ferma a 22 punti, allunga invece la LUISS Roma, decima con 28 punti. È invece critica la situazione della Giulia Basket, ancora in ultima posizione con 6 punti, insieme alla Sutor Montegranaro, si stacca invece Civitanova Marche, che vincendo contro Cesena ha raggiunto il quattordicesimo posto con 8 punti.

I ragazzi di coach Quaglia, con un’ottima prova offensiva, si aggiudicano il derby contro Teramo. La partita, fin dai primi minuti, si indirizza a favore dei rosetani, che al primo minuto di gioco già si portano avanti 5-0, e continuando a spingere in attacco, riescono a raggiungere la doppia cifra di vantaggio al quarto minuto di gioco (14-4).

Gli uomini di Salvemini provano a rispondere con Bertocco, ma i rosetani sono precisi da oltre l’arco e con Amoroso, Zampogna e Mei raggiungono le 19 lunghezze di vantaggio (26-7). Cucco sul finale prova ad accorciare lo svantaggio, ma il canestro allo scadere di Di Carmine fa terminare i primi dieci minuti sul punteggio di 30-11.

Il secondo quarto si apre sulla falsa riga del precedente, con i rosetani che trovano facilmente il canestro, e con l’ennesima tripla di Mei raggiungono i 23 punti di vantaggio (37-14), i teramani provano a rosicchiare punti con Cipriani e Di Febo (39-20), ma i padroni di casa, con il 2/2 ai liberi di Bassi ed il canestro di Zampogna toccano un nuovo massimo vantaggio di 25 punti (45-20).

Dopo il 2/2 di Bertocco ai liberi, i rosetani allungano ancora nel punteggio con la schiacciata di Serafini (51-22), che costringe, al minuto 18:02, a chiamare il timeout per coach Salvemini. Al rientro in campo i teramani rosicchiano punti, e terminano il secondo quarto sul punteggio di 53-28.

Al rientro in campo dalla pausa lunga, dopo che Bertocco aveva riportato sul -23 i suoi (53-30), Amoroso e Mei continuano a trovare il canestro con facilità e riportano il Roseto sul +27 (59-32).
I teramani, al giro di boa del terzo quarto, riescono, trascinati da Bertocco, a portarsi sul-22 (63-41), e coach Quaglia decide di chiamare il minuto di sospensione. Le parole di coach Quaglia riportano nuova linfa ai suoi, che con il canestro di Pastore toccano le 30 lunghezze di vantaggio (73-43), ed al minuto 28:18, coach Salvemini chiama un nuovo timeout. Al rientro in campo però le percentuali di entrambe le squadre calano, ed il terzo periodo terminerà sul punteggio di 73-43.

Ad inizio quarto, ed ultimo, periodo i padroni di casa toccano un nuovo massimo vantaggio di 35 punti (78-43), ma la Rennova prova a rosicchiare punti, trovando un parziale di 0-5, che al minuto 34 li porta su una distanza di 30 punti (78-48). Al giro di boa però lo svantaggio rimane insormontabile, e dopo aver toccato il -29 (84-55), il canestro con tiro libero aggiuntivo di Gaeta, fissa il risultato del derby sull’ 86-55 per il Roseto.

Per la Liofilchem Roseto, la vittoria arriva grazie alle qualità dell’intero gruppo, sono infatti 5 i giocatori ad aver raggiunto la doppia cifra. Valerio Amoroso, con 14 punti, si laurea come miglior marcatore dei suoi, seguito dalla coppia Pastore-Nikolic, entrambi con 11 punti, e da Serafini e Zampogna, fermi entrambi a 10 punti.

Per la Rennova Teramo invece sono solamente 2 i giocatori in doppia cifra, Bertocco con 14 punti e Antonelli con 10 punti. Si è invece fermato a 7 punti Cipriani.

Il prossimo incontro si terrà domenica 1 Maggio per entrambe le compagini. La Liofilchem Roseto è attesa al PalaCastrum, per un nuovo derby stavolta contro Giulianova. La Rennova Teramo invece si prepara alla sfida casalinga contro la Virtus Civitanova Marche.

La Giulia Basket Giulianova cade anche nella difficile trasferta contro la LUISS Roma, che si è imposta per 86-64.

Gli uomini di coach Domizioli pagano a caro prezzo la partenza lenta, solamente 7 punti segnati nel secondo quarto, e non riescono a rimanere in partita contro la squadra capitolina.

Nei primi minuti di gioco, i giuliesi provano ad imporsi con le giocate di Bischetti e Caverni, che portano il risultato sul 7-10, ma le triple affilate di Barbon e Pasqualin, riportano il punteggio in parità, e danno il via alla fuga per la squadra di casa. Al minuto 6:36 ancora una tripla di Barbon, che porta i suoi sul +8 (18-10), costringe coach Domizioli al minuto di sospensione.

Al rientro in campo è Bischetti, che realizza da oltre l’arco, a cercare di tenere in contatto nel punteggio i giuliesi, ma i romani sono bravi a ristabilire le 8 lunghezze di vantaggio, e andare al riposo sul 23-15.

Il secondo quarto per i giuliesi è da incubo. Legnini realizza subito il canestro che porta i padroni di casa sul +10 (25-15), seguito dalla tripla di D’Argenzio che allunga il vantaggio, solo leggermente tamponato dai due liberi messi a segno dal giocatore giuliese Caverni (28-17).

L’attacco degli ospiti però si blocca, e la LUISS ne approfitta piazzando un parziale di 10-0, che costringe, al minuto 14:24, a chiamare un nuovo timeout per coach Domizioli.

La situazione dopo il minuto di pausa però non cambia, i padroni di casa raggiungono le 24 lunghezze di vantaggio grazie a Murri (41-17), i giuliesi con il 2+1 di Milani provano a rosicchiare punti, ma al termine dei 20 minuti di gioco il punteggio recita 47-22.

Nel terzo quarto i padroni di casa riescono anche a toccare i 29 punti di vantaggio con Egwoh (56-27).

I giuliesi provano ad accorciare le distanze con il 2/2 dalla lunetta di Bischetti e la tripla realizzata da Motta (56-32), ma la tripla di Legnini, ristabilisce il vantaggio di 29 punti (65-36). Sul finire di quarto, grazie ai canestri di Pierucci e Scarpone, gli ospiti riusciranno nuovamente a ridurre lo svantaggio (65-42), ma la tripla di Murri allo scadere fisserà il punteggio del terzo periodo sul 68-42.

Ad inizio quarto periodo, la LUISS toccherà il massimo vantaggio di 31 punti, arrivato con la tripla di Legnini (73-42). I giuliesi provano a rosicchiare punti con Pierucci e Scarpone, ma al giro di boa il divario è ancora troppo grande (78-51), e sul finale di gara i ragazzi di coach Domizioli, riusciranno solamente a diminuire lo svantaggio per rendere il risultato meno amaro, che si andrà ad attestare sul 86-64 in favore della LUISS.

Per la Giulia Basket Giulianova si sono messi in luce, con una prestazione da doppia cifra, i giovanissimi Buscaroli, miglior realizzatore della partita con 15 punti, Pierucci, con 13 punti e Bischetti con 12 punti.

Tra le fila della LUISS Roma invece spiccano i 14 punti di Legnini, seguito dagli 11 punti di D’Argenzio, si sono invece fermati a 9 punti Egwoh e Murri.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: