L’ISTITUTO ZOOPROFILATTICO DI ABRUZZO E MOLISE NOMINATO CENTRO DI REFERENZA FAO PER “ONE HEALTH”

24 Aprile 2024 12:20

Regione - Sanità

TERAMO – “A seguito della nostra attenta valutazione del mandato, delle principali attività e delle competenze, il raggiungimento del prestigio scientifico, tecnico e politico e l’impegno profuso per rafforzare lo sviluppo delle capacità nelle aree rilevanti per la FAO, nonché per l’esperienza di collaborazione pregressa con la FAO, ho il piacere di comunicarvi che l’IZS di Teramo è stato designato FAO Reference Center for One Health”. Inizia con queste righe firmate dal Deputy Director-General della FAO, Maria Helena Semedo, il documento di nomina inviato al Direttore Generale dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise Nicola D’Alterio.

“Questa prestigiosa designazione premia ancora una volta l’expertise scientifica del nostro Istituto, mi preme innanzitutto ringraziare i ricercatori e tutto il personale dell’Ente” – commenta il DG D’Alterio – “Dopo i Centri di Referenza per l’Epidemiologia Veterinaria, i Coronavirus Zoonotici e l’expertise nei settori della sanità animale e dei sistemi informativi, la FAO ci riconosce anche come polo di eccellenza internazionale per la ricerca e la tutela della salute in termini olistici. Da sempre lavoriamo seguendo l’approccio One Health con l’obiettivo di raggiungere la salute globale e una attenzione particolare alle popolazioni più vulnerabili che vivono nei Paesi in via di sviluppo dove è strettissima la relazione tra la salute delle persone, la salute dei loro animali e l’ambiente in cui vivono, con tutto ciò che ne consegue”.





Sono diversi i compiti del nuovo Centro di Referenza che, in primo luogo, è chiamato a fornire “consulenza tecnico-scientifica, specifica e indipendente” alla FAO nelle attività di sostegno allo sviluppo dei Paesi membri dell’Organizzazione. L’IZS di Teramo dovrà fornire servizi diagnostici su focolai sospetti e confermati di agenti patogeni di zoonosi emergenti; formazione e consulenza per lo sviluppo delle capacità dei laboratori nazionali veterinari dei Paesi membri della FAO; sviluppare e rafforzare il sistema di sorveglianza per monitorare l’antimicrobico resistenza in relazione all’interfaccia umana, animale e ambientale; eseguire la caratterizzazione molecolare dei patogeni nelle acque reflue; rafforzare l’individuazione precoce e la caratterizzazione dei patogeni emergenti, utilizzando tecnologie come la Next Generation Sequencing. E ancora, sostenere la FAO promuovendo la ricerca per lo sviluppo di vaccini veterinari di nuova generazione e la produzione di kit diagnostici e reagenti biologici; fornire supporto tecnico per lo sviluppo di modelli epidemiologici predittivi per il controllo di malattie come Rift Valley Fever, West Nile Disease, Dengue, Zika, ecc.

“One Health è un approccio sanitario basato sull’integrazione di discipline diverse, che riconosce l’intima connessione fra persone, animali e ambiente, e che propone un approccio integrato per prevenire la diffusione delle malattie e affrontare in modo olistico le minacce per la salute. Le attività e le aree di intervento del neonato Centro di Referenza sono molte, richiedono un lavoro congiunto di professionalità trasversali sul piano strettamente scientifico e non solo” – aggiunge il Direttore Generale D’Alterio – “In questa ottica, nel 2022, ci siamo fatti promotori di One Health Award proprio per creare un ampio spazio di dibattito pubblico, coinvolgendo scienziati di diverse discipline, decisori politici, divulgatori scientifici, professionisti della comunicazione,  protagonisti del mondo della cultura e dell’imprenditoria. Far dialogare approcci anche diversi tra loro per arrivare alla sintesi di una Salute Unica, nella convinzione che per prevenire la diffusione delle malattie bisogna mettere in campo azioni interdisciplinari sul piano sanitario, politico e di pratica quotidiana”.





“A nome mio e di tutto il personale dell’Istituto che mi pregio di dirigere” – conclude D’Alterio – “ringrazio il Sottosegretario Gemmato che ha subito mostrato vicinanza alla nostra realtà scientifica. Le parole di stima che ha speso per la designazione a CdR della FAO dell’IZS di Teramo hanno un grande valore e saranno uno sprone a fare sempre di più e sempre meglio al servizio del Paese”.

In una nota già inviata agli organi di informazione, infatti, il Sottosegretario di Stato alla Salute, Marcello Gemmato, si è complimentato con l’Istituto: “Un plauso a tutto il team dell’IZS di Teramo per lo straordinario lavoro e la dedizione nel promuovere la One Health e nell’ottenere questa prestigiosa nomina. L’IZS di Teramo continua a rappresentare un pilastro fondamentale nel panorama della sanità pubblica nazionale e internazionale, e il Ministero della Salute si impegna a continuare a sostenere le sue importanti iniziative e i suoi progetti”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: