MALTEMPO: RICONOSCIUTO STATO DI EMERGENZA ABRUZZO, MA ARRIVA SOLO L’1 PER CENTO DEI FONDI RICHIESTI

4 Dicembre 2019 20:34

L'AQUILA –  Il Consiglio dei Ministri ha deliberato il riconoscimento dello Stato di Emergenza Nazionale per le regioni colpite dall’eccezionale ondata di  maltempo nei mesi di ottobre e novembre 2019 e tra queste è compreso anche l’Abruzzo, colpito dalle mareggiate dei giorni 12 e 13 novembre. 

La struttura di protezione civile, di concerto con il servizio regionale Opere marittime e i comuni colpiti, aveva allegato alla delibera di richiesta dello Stato di Emergenza un primo report dove veniva indicato in 112 milioni di euro una prima stima dei danni, indicando in cinque milioni il fabbisogno per somme urgenze. All'Abruzzo, però, in questa prima fase, arriverà solo l'1 per cento dei danni quantificati.

“In relazione agli eccezionali eventi di maltempo che hanno colpito buona parte del Paese, il governo ha dichiarato lo stato d'emergenza per 12 regioni e stanziato 100 milioni per i primi interventi urgenti. Siamo inoltre al lavoro per reperire ulteriori fondi che consentano un pronto superamento dell'emergenza: a tal fine sono stati individuati altri 140 milioni di euro da destinare alle somme urgenze e all'assistenza alla popolazione”. 





Lo annuncia il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, che aggiunge: “Il Consiglio dei ministri ha stanziato le prime risorse sulla base delle attestazioni speditive formulate dalla Regioni. Mentre i commissari stanno elaborando i piani indicando gli interventi necessari, il governo ha provveduto a individuare altre risorse che saranno ripartite tra le zone colpite dal maltempo. In commissione Finanze alla Camera, nell'ambito dell'esame del decreto fiscale, è stato approvato un emendamento del governo che provvede ad assegnare ulteriori 40 milioni di euro. In queste ore, inoltre, è alla firma del ministro dell'Economia un decreto che assegna altri 100 milioni di euro per la copertura delle spese sostenute dai territori coinvolti. Il governo – conclude Fraccaro – continua ad assicurare con il massimo impegno il sostegno concreto ai cittadini e agli enti locali per consentire ai territori coinvolti di superare al più presto l'emergenza”. 

Nell’ambito della deliberazione è stato stabilito un budget di 100 milioni di euro da ripartire tra le regioni più colpite, Valle D’Aosta, Liguria e Piemonte, mentre un secondo provvedimento stabilisce il concorso governativo alla mitigazione del rischio residuo ed all’eventuale ristoro alle attività produttive. In questa prima fase l’Abruzzo usufruirà di un primo stanziamento di 1.685.000 euro per somme urgenze, che si andranno a sommare ai due milioni già deliberati dal Consiglio regionale.  L’Abruzzo inoltre partecipa, con il coordinamento del Dipartimento nazionale di protezione civile, alle procedure nazionali per l’attivazione del Fondo di Solidarietà Europeo per il ristoro dei danni causati dagli eventi metereologici dell’ultimo mese sul territorio nazionale.

“Apprendiamo che l'Abruzzo ha ricevuto solo l'1% dei danni quantificati. Ci auguriamo che il Governo provveda in tempi rapidi a riconoscere nuovi e ulteriori stanziamenti alla nostra regione – sottolinea il vicepresidente della Regione Abruzzo, Emanuele Imprudente – Di fatto, però, abbiamo ricevuto l’1% dei danni quantificati. Sin dai primi momenti la giunta presieduta dal presidente Marco Marsilio  ha messo in atto iniziative che oltre ad affrontare l'emergenza puntano a dare il via a un intervento di salvaguardia e messa in sicurezza che interessa l'intera costa abruzzese. Nel frattempo usiamo questo stanziamento per fare ulteriori interventi rispetto a quanto fatto in somma urgenza e che abbiamo già impegnato”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!