MAREGGIATA CASALBORDINO, SIGISMONDI: “EROSIONE COSTA PRIORITA’, INCONTRO PER VALUTARE INTERVENTI”

6 Novembre 2022 16:27

Chieti - Cronaca

CASALBORDINO – “In questi anni la Regione Abruzzo, grazie all’impegno del presidente Marco Marsilio e del sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale, Umberto D’Annuntiis, ha mostrato grande attenzione al problema dell’erosione costiera mettendo in campo tutte le risorse a disposizione per prevenire e fronteggiare l’emergenza che minaccia il nostro meraviglioso litorale. Opere importanti che hanno riguardato anche il comune di Casalbordino”.





Sopralluogo, questa mattina, del senatore di Fratelli d’Italia, Etelwardo Sigismondi, a Casalbordino (Chieti) con il sindaco, Filippo Marinucci, e con il vicesindaco, Carla Zinni, per verificare  i danni causati dalla mareggiata degli ultimi giorni.

“Questa mattina ho raccolto le preoccupazioni dell’amministrazione comunale e di alcuni operatori turistici e domani incontrerò il sottosegretario D’Annuntiis per capire quali interventi è possibile attivare per tamponare l’urgenza che compromette la stabilità del lungomare di Casalbordino”, spiega Sigismondi.





“Bisogna tenere presente che la capacità economica della Regione non può far fronte a un fenomeno così esteso, è necessario, quindi, reperire ulteriori finanziamenti anche di carattere europeo – osserva – Proprio a tal fine risulta fondamentale che la regione Abruzzo sia riuscita a dotarsi del ‘Piano di difesa della costa dall’erosione, un piano atteso da anni che contiene la previsione di interventi puntuali e che può essere determinante per l’acquisizione di risorse”.

“Proteggere le nostre coste dall’erosione è una priorità della Regione e del Governo nazionale e ci si trova, purtroppo, a lavorare in un contesto difficile a causa dei cambiamenti climatici che determinano un costante aumento del livello del mare, acuendo di anno in anno la problematica”, conclude Sigismondi.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: