MARELLI SULMONA, DI GIROLAMO: “INTERROGHERO’ MINISTRO SU FUTURO AZIENDA”

9 Settembre 2021 19:03

L'Aquila: Politica

SULMONA – “Preoccupa non poco l’alone di mistero che, ad oggi, avvolge il futuro dell’azienda Marelli Sulmona e tutti gli operai attualmente lì occupati, indotto compreso”.

A scriverlo in una nota la senatrice penta stellata Gabriella Di Girolamo, che aggiunge: “Sono note da tempo le criticità sollevate da alcune sigle sindacali alle quali l’azienda non si degna di dare risposta. Infatti, le scelte di politica aziendale che hanno guidato negli anni la Marelli Sulmona, a mio avviso fallimentari, hanno impedito la diversificazione delle commesse concentrando quasi la totalità della produzione in una monocommittenza verso l’allora FCA, attualmente Stellantis. Viene da sé che qualsiasi criticità che affronta l’azienda capofila, in questo caso la Sevel di Atessa, si riversa automaticamente sulla stabilità della Marelli di Sulmona”.

“A ciò si va ad aggiungere una cronica mancanza di investimenti sui macchinari e sulla sicurezza sul lavoro, che costringe gli impianti e gli operatori del sito locale ad uno sforzo che va oltre le stesse potenzialità meccaniche ed umane, contribuendo al logorìo sia delle macchine che del capitale umano impiegato”.

“La necessità di diversificare le commesse resta il punto focale in questo momento e quello che mi chiedo è se la Marelli Sulmona sia in grado oggi di diversificare la propria clientela con altre case dell’automotive, esattamente come lo stesso marchio ha fatto in altri territori. Ha la capacità di percorrere lo stesso solco segnato da altri e, soprattutto, ne ha la volontà? Farebbe bene l’azienda ad esprimersi in quanto ciò che risulta noto ad oggi, purtroppo, è solo che la commessa di Sevel terminerà al 31 dicembre 2022 mentre una politica aziendale snella e lungimirante dovrebbe andare ben oltre l’anno solare”.

“E’ a queste domande che l’Azienda dovrebbe dare una risposta, restituendo agli operai la stessa fedeltà che questi ultimi hanno sempre dimostrato nei confronti del loro datore di lavoro”, sottolinea Di Girolamo.

“Di questo e molto altro tratterò nell’interrogazione parlamentare che sto predisponendo nei confronti del ministro allo sviluppo economico, On. Giorgetti”, conclude.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: