METEO, ANTICICLONE AFRICANO SULL’ITALIA:
PICCHI DI CALDO 38-40 GRADI

19 Giugno 2022 10:03

Italia - Meteo

ROMA – È in arrivo sull’Italia un’ondata di caldo grazie all’anticiclone africano che dopo aver soggiornato sul comparto più occidentale del continente europeo, si avvicina al nostro Paese e gli effetti non tarderanno a farsi sentire.

Lo scrive sul suo sito il Meteo.it.

È atteso il ritorno del noto “Caronte” che farà salire le temperature con picchi di caldo fra i 38 e i 40 gradi.

“L’area mediterranea – spiega il Meteo.it – risulta essere avvolta da un bollente anticiclone africano alimentato da correnti d’aria caldissime che prendono le loro origini direttamente dall’incandescente entroterra sahariano. Quali saranno gli effetti di questa ulteriore espansione dell’alta pressione verso il nostro Paese? Dopo un sabato ancora leggermente disturbato da deboli infiltrazioni d’aria fresca, già dalla giornata di domenica le condizioni atmosferiche sull’Italia torneranno stabili ovunque con il sole che splenderà indisturbato da Nord a Sud fatta eccezione per qualche addensamento nuvoloso a carico delle regioni del Sud e in particolare a ridosso dei rilievi. Basso il rischio di fenomeni”.

Secondo ilmeteo.it, tra gli effetti dell’ulteriore rinforzo dell’alta pressione sub-sahariana, “non ci sarà solo il bel tempo. Occhi puntati ai termometri che inizieranno un’ulteriore escalation con valori ormai ovunque orientati verso livelli ben lungi dai normali standard climatici del periodo”.

Così, nei prossimi giorni, “l’alta pressione africana si estenderà ulteriormente sul nostro Paese dove il clima sarà destinato a divenire ancora più rovente con temperature davvero esageratamente superiori alla media climatologica del periodo”.

La domenica di oggi è caratterizzata dal bel tempo. Da lunedì, sole praticamente ovunque, “e temperature che schizzeranno fino a 38-40 C dapprima al Centro-Nord, poi anche al Sud. Possibile effimero calo termico con l’arrivo di temporali tra Giovedì 23 e Venerdì 24, poi ancora tanto caldo”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: