MISS LILT L’AQUILA: QUANDO LA BELLEZZA INCONTRA LA PREVENZIONE

14 Aprile 2015 10:59

AVEZZANO – È nata la fascia di bellezza ‘Miss Lilt L’Aquila’, grazie a un fortunato connubio tra fotografia e medicina, l’immagine della Miss diventerà simbolo della prevenzione del tumore al seno. 

‘Custode massimo della bellezza è il gesto minimo, ma di valore infinito, della prevenzione’, questo il messaggio sotteso all’ideazione ufficiale della prima fascia di ‘Miss Lilt L’Aquila’: una creazione ideata, firmata e fortemente voluta dal fotografo marsicano Antonio Oddi, supporter di primo piano di manifestazioni con retrogusto sociale e solidale, in collaborazione con il presidente della Lega italiana per la lotta contro i tumori a livello provinciale, il medico chirurgo e senologo, Antonio Addari

L’idea sposata appieno dal Centro di prevenzione Lilt con sede ad Avezzano (L’Aquila), in via America 11 da sempre promotore della voglia di diffondere cura e cultura, è paladina di uno slogan innovativo, che si propone di rivalutare l’immagine della reginetta di bellezza classica, rendendola volto di un impegno sociale duraturo. 




L’eccellenza dell’aspetto incrocia, quindi, lo sguardo del benessere psico-fisico. La vincitrice diventerà il volto femminile della campagna di sensibilizzazione promossa dal Centro Lilt di Avezzano e programmata per il mese di ottobre 2015, dedicato, per l’appunto, allo spirito intelligente della prevenzione del cancro al seno per quel che concerne il territorio della provincia dell’Aquila.

Il contest avrà luogo nella città di Avezzano nel mese di luglio. Potranno concorrere per la fascia ‘sociale’ tutte le ragazze italiane aventi un’età compresa fra i 16 e i 24 anni di cittadinanza italiana. La vincitrice del concorso di bellezza a sfondo sociale, inoltre, accederà di diritto alla finale nazionale ufficiale di Miss Mondo Italia 2016, che si terrà a giugno a Gallipoli. Responsabile regionale di miss Mondo Italia Abruzzo è Marcello Di Giacomo

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: