MONTAGNA, ALBERTO TOMBA ALL’AQUILA NEL GIORNO DEL RICORDO: “SICUREZZA NELLO SPORT E NELLA VITA”

6 Aprile 2022 21:03

L'Aquila - Sport

L’AQUILA – “È un onore essere a L’Aquila in una giornata così importante. Ero già venuto nel 2009 due mesi dopo il terremoto, e serbo la memoria di quei giorni nel mio cuore. Oggi sono qui per ricordare  e per parlare di sicurezza che, nello sport come nella vita, è un tema da cui non si può prescindere”.

Con queste parole il campione di sci Alberto Tomba, uno dei più grandi atleti della storia dello sport italiano, è intervenuto all’Aquila come ospite d’eccezione all’ evento dedicato alla sicurezza in montagna in una giornata molto significativa, riservata al ricordo delle 309 vittime del terremoto del 6 aprile 2009.

Una presenza fortemente voluta dall’assessore al bilancio, Aree interne e sport, Guido Quintino Liris, nell’ambito del convegno “Io non ci casco”, organizzato dalla FISI Abruzzo a L’Aquila, nella sala dell’Accademia di belle arti.

“Sei parte della nostra terra, sei forte come le montagne d’Abruzzo” con questa frase l’assessore ha consegnato all’atleta una piccola scultura lignea rappresentante il Corno Grande del massiccio del Gran Sasso.

Sono intervenuti, oltre all’assessore Liris, il presidente del comitato regionale abruzzese Fisi, Angelo Ciminelli, il tecnico federale Luigi Faccia, Francesco Persio, esperto giuridico presso la Presidenza del Consiglio dei ministri e componente della commissione di governo per la riforma dello sport, Andrea Formento, presidente di Federfuni. Un contributo video è arrivato dal presidente del Consiglio di Stato Franco Frattini, sulle tematiche legislative riguardanti la sicurezza.

Da qui, dunque, parte oggi, nella giornata del ricordo, di lutto cittadino, un messaggio forte e chiaro, costruttivo e propositivo, sulla necessità di vivere la montagna in assoluta sicurezza, nella massima libertà a condizione di possedere un elevato senso di responsabilità e di conoscenza. Si è parlato di sicurezza, prevenzione e formazione con interventi qualificati e puntuali. Un investimento in termini di salute, benessere e miglioramento della qualità della vita, oltre che un’occasione importante di sviluppo economico e sociale del territorio.

Domani Alberto Tomba sarà a Campo Imperatore con l’istruttore Luigi Faccia per i campionati studenteschi di sci, grazie al lavoro svolto dal centro turistico del Gran Sasso.

“Servono, grande responsabilità e scelte conseguenti – ha sottolineato l’assessore Liris – Per fare in modo che la montagna sia veramente “amica” è importante creare la sensibilità necessaria e accrescere pienamente la consapevolezza dei rischi. Dall’Aquila deve partire oggi un messaggio concreto: la memoria deve essere viva affinché tutte le tragedie non debbano più ripetersi. Penso ai terremoti così come agli incidenti in montagna ricordando anche la tragedia del Velino e le sue vittime e gli ultimi tristi episodi”.

“È affrontare tutto con spirito di squadra e di collaborazione. Abbiamo deciso di istituire stabilmente un tavolo tecnico scientifico sulla montagna, in un’ottica multidisciplinare. Più fondi sono necessari è vero, più attenzioni, maggiore progettualità e strategie a lungo termine. Apriamo così una stagione di opportunità che possa produrre crescita e sviluppo per il nostro territorio. Su questo dobbiamo lavorare insieme, con i diversi attori, per unire e sincronizzare meglio le strategie.”

“La presenza di Alberto Tomba – ha concluso l’assessore – rappresenta un segnale di attenzione nei confronti dell’Abruzzo. Si tratta della testimonianza di un campione che ama il Gran Sasso ed è stato il primo a usare casco e paracolpi per sciare. Un uomo che ha reso grande l’Italia nel mondo”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: