MONTEREALE: 10 POSITIVI AL COVID E BAR CHIUSO, SCATTA SCREENING. IL SINDACO: “QUI TUTTI VACCINATI”

18 Agosto 2021 18:37

L'Aquila: Sanità

MONTEREALE – Dieci positivi al Covid tra turisti, o meglio abruzzesi residenti principalmente nel Lazio e che trascorrono l’estate nelle seconde case nell’Alto Aterno, e un bar chiuso.

Succede a Montereale (L’Aquila) dove, a seguito dei casi emersi, è stato chiuso un bar del paese dopo l’accertata positività di una persona che lavora nel locale, probabilmente contagiata da un cliente.

A spiegarlo, ad AbruzzoWeb, è il sindaco Massimiliano Giorgi che questa mattina ha dato l’annuncio su Facebook: “Questa mattina da comunicazioni Asl ho appreso la presenza di 10 casi covid accertati nel comune di Montereale, quasi tutti turisti in vacanza nel nostro comune. Ho verificato la chiusura preventiva di un bar causa covid’, pertanto ho deciso , di concerto con il Dipartimento di Prevenzione Asl, in maniera preventiva di effettuare uno screening della popolazione domani 19 agosto dalle ore 10.30 presso il distretto sanitario di base di Montereale, dove residenti e non potranno essere sottoposti ad un tampone da parte di personale medico (medici di base) e infermieristico dalla nostra Associazione Pubblica Assistenza Montereale. Chiedo a coloro che si recheranno presso il Distretto Sanitario per effettuare il tampone il massimo rispetto del distanziamento e l’uso dei Dpi”.

A Montereale, spiega il primo cittadino, l’adesione alla campagna vaccinale è stata alta: “per fortuna abbiamo vaccinato praticamente tutti – sottolinea Giorgi – ed è anche per questo che nuovi contagi da fuori sono ancora più difficili da ‘digerire’, specialmente perché abbiamo molti anziani da tutelare. Questo caso dimostra che bisogna continuare a tenere alta la guardia”.

Al momento non è stato specificato se le persone contagiate siano vaccinate ma, secondo quanto riferito dal sindaco, sarebbero tutte in buone condizioni e in isolamento domiciliare: “abbiamo subito organizzato lo screening per tentare di arginare il contagio, speriamo di essere intervenuti tempestivamente”. (a.c.)

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: