MORI’ SOTTO LE MACERIE DEL CONVITTO ALL’AQUILA: TEMPI LUNGHI PER IL RISARCIMENTO

19 Ottobre 2023 09:59

L'Aquila - Cronaca

TRASACCO – Morì sotto le macerie del Convitto nazionale nel sisma che nel 2009 sconvolse L’Aquila ma nonostante le sentenze favorevoli la famiglia della vittima, il giovane Luigi Cellini, ancora non vede il giusto  risarcimento. Per questa ragione la famiglia trasaccana  protesta  per segnalare che il ministero dell’Istruzione, nonostante le assicurazioni, non ha versato nulla.

Il giudice del tribunale dell’Aquila, Monica Croci, infatti, ha stabilito che il ministero in solido con il principale imputato, l’ex preside Livio Bearzi, poi graziato dal presidente Mattarella, ha stabilito che alla madre della vittima Lucia Catarinacci, spettano 110 mila euro e una somma di poco più bassa, 88mila euro, spettano alla sorella della giovane vittima.





Bearzi fu condannato a 4 anni di reclusione per  omicidio colposo per non aver fatto evacuare il Convitto, dove morirono anche altri due giovani stranieri. A sua difesa affermò di essere stato ingannato dalle affermazioni rassicuranti dopo la riunione della commissione Grandi Rischi ma i giudici dal primo grado alla cassazione non ne hanno tenuto conto.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©






    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale





    Commenti da Facebook

    RIPRODUZIONE RISERVATA
    Download in PDF©


      Ti potrebbe interessare:

      ARTICOLI PIÙ VISTI:


      Abruzzo Web