MORTE COMPOSITORE FAUSTO RAZZI: IL CORDOGLIO DEL CONSERVATORIO DELL’AQUILA

25 Novembre 2022 12:52

- Cronaca

L’AQUILA  –  Il Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila a nome del suo presidente, M° Nazzareno Carusi e del suo direttore M° Claudio Di Massimanotnio, esprime il cordoglio per la scomparsa, sabato scorso, 19 novembre, del M° Fausto Razzi all’età di 90 anni.





Compositore di grande originalità musicale e di esemplare rigore intellettuale, allievo di Goffredo Petrassi, fu il primo docente di Composizione del Conservatorio A. Casella di L’Aquila, di cui era stato tra i fondatori (1967).

Molto presente nei due decenni successivi nella vita musicale di L’Aquila, il M° Razzi portò l’impegno umano e civile della sua personalità sia nella libera sperimentazione musicale sia nella pratica della musica rinascimentale e barocca (Gruppo Recitar Cantando), operando inoltre da protagonista nell’organizzazione di attività seminariali e concertistiche.





Tutta la sua opera vive di una profonda concentrazione sulle dinamiche interne del suono e del gesto strumentale, talvolta con uso di micro-intervalli musicali e inusuali sistemi di intonazione. Nel rigore di una ricerca estetica appartata rispetto alle tendenze più celebrate della modernità musicale, il M° Razzi ha collaborato con Edoardo Sanguineti e altri importanti voci della letteratura italiana contemporanea, con significativi esiti di teatro musicale sperimentale, e va annoverato fra i pionieri della composizione mediante computer con collaborazioni importanti all’Università di Napoli (fine anni 1970) e al Centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova (anni 1980).

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: