MOZZATA DAI VANDALI LA TESTA DI UNO DEI RE MAGI DEL PRESEPE VICINO AL CASTELLO DELL’AQUILA

di Gianpiero Giancarli

8 Gennaio 2024 10:02

L'Aquila - Cronaca

L’AQUILA  – Un atto riconducibile a semplice  teppismo o alla intolleranza religiosa? Sta di fatto che pochi giorni fa qualcuno ha preso di mira il  bel presepe allestito  dal Comune nei pressi del castello cinquecentesco dell’Aquila, presso l’anello che costeggia il Forte,  mozzando la testa di Baldassarre, uno tre re Magi. Di  questo si sono accorti alcuni aquilani i quali hanno avvisato la polizia urbana che ha preso in custodia la  piccola statua danneggiata subito sostituita.





Indagini difficili  in quanto  non è agevole, senza testimoni, individuare le colpe e  capire la ragione per cui sia stata presa di mira solo la riproduzione di Baldassarre che, secondo la tradizione, fu uno dei magi, ovvero il re nero che, insieme a Gaspare e Melchiorre, portò al figlio di Dio la mirra.

Di certo il parco del castello è  infestato  negli ultimi anni  da gruppi  eterogenei di ragazzi facinorosi e vandali che spesso sono nel mirino delle forze dell’Ordine.





Un fatto simile, ma dalla dinamica assai più raccapricciante, si è verificato ai danni del Gesù bambino del presepe della centrale piazza della Repubblica, a Monfalcone  (Gorizia)  fatto a pezzi da ignoti. Sul fatto sta indagando la Polizia locale. Qualcuno gli ha rotto la testa e ha fatto esplodere la statuetta con dei petardi inseriti al suo interno. I resti sono stati portati al Comando della Polizia Locale. Ma in quella città ci sono  contesti diversi con  problemi di convivenza tra i residenti e gli immigrati che sono il 30 per cento della popolazione fermo restando che gli autori sono ignoti e non ci sono indizi.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: