“‘NA NIVICATA CO’ JI FIOCCHI”, COMMEDIA DELL’AQUILANO GIORGIO CAVALLI: LA NONA PUNTATA

12 Maggio 2022 08:48

L'Aquila: Abruzzo

L’AQUILA – Di seguito la nona puntata di “Na nivicata co ji focchi”, la commedia scritta da Giorgio Cavalli, il primo aquilano a partecipare a Sanremo e, tuttora, uno degli uomini più rappresentativi dello spettacolo aquilano.

Cavalli fu testimone diretto della famosa nevicata che, nel febbraio 1956, ricoprì il capoluogo sotto metri e metri di coltre bianca e, proprio per un episodio realmente accaduto in quei giorni, prese spunto, anni fa, per farne un lavoro teatrale.

La commedia rappresenta quindi un vero e proprio spaccato di storia e di vita del tempo che AbruzzoWeb continuerà a raccontare.

Per una migliore e più consapevole lettura, precisa l’autore, “i puntini di sospensione vanno considerati in massima parte come ‘pause’”.

 

NONA PUNTATA

‘NA NIVICATA CO’ JI FIOCCHI…

 

Dalla porta d’ingresso entra Sandrino con pezzi di legna da ardere sulle braccia.

 

SANDRINO Eh, quanta gente! …Bonasera ingegné …

LUCIANO Ciao Sandrì… Occupazione bellica…

SANDRINO Mo ve’ pure Bruno… Sta èsso sottu co’ Andrea… Bonasera a tutti… Donna Bice…! (verso cui si inchina e che lo osserva un po’ stupita, avviandosi verso l’interno e soffermandosi un attimo con Raffaele)

SANDRINO Ma ch’è successu?

RAFFAELE Che non è successu…! Va’, va’…

 

Sandrino va e lascia aperta la porta da cui esce più forte la musica (Mademoiselle de Paris” – con l’orchestra di Paul Mauriat )

 

ANNARITA Ma Rosetta?

FILOMENA Scì, scì… fammela chiamà… (e si avvia)

 

Ma mentre passa, Luciano l’afferrerà per alcuni veloci giri di ballo che gli altri osserveranno divertiti.

 

LUCIANO Walzer, Filomè!

FILOMENA Basta, basta, Lucià…no no…non ce la faccio… Non ci so’ cchiù abbituata.

 

Si stacca quindi col fiatone e, nel sorriso, va da Rosetta mentre Luciano che ricanticchia il brano ancora in onda si accende un sigaro gongolando… E con una pacca sulla spalla di Raffaele…

 

LUCIANO Che ballerino, Raffé!

RAFFAELE Eh, come no… Freddasterre… (con aria canzonatoria…e si ride)

 

Mentre Raffaele torna nel suo “tormento…” – Intanto rientra Filomena –

 

RAFFAELE Ma no’ se pote’ aspettà che se conosceeno ’nu pocu di cchiù?

LUCIANO Iiih… ne tenghen’ ’e tempu… Ma quissi se sposano, se non ll’ha’ ancora capitu…Te ta rassegnà… Ji me pozzo rassegnà pe’ ju marescialle, e tu no?

FILOMENA Non vabbona, Lucià ? (preoccupata)

LUCIANO Vabbona, vabbona… Pure troppu… Ma quiju la penza militare, cara Filomena… E pe’ vinì ecco, me so’ tinutu pure squajà…

ANNARITA Non ji ’à retta, Filomè, Tullio lo sapea… Semo solu esciti prima… Ma siccome ji piace tantu pizzicasse, tutte le occasioni so’ bbone…Certu, però, che è stata ’na fortuna… Tullio è davvero unico.

FILOMENA Meno male, Annarì, meno male… Me sa che solu Veronica, potea rriscì a fà ’na cosa cuscì difficile…

ANNARITA E’ vero, è stata brava. Ma Luciano j’è statu sempre appressu, non te crede…

LUCIANO Scì scì… ’nu discu ruttu: Ne reparlemo Lucià / e ne reparlemo Lucià… E mo che…

 

Entra Rosetta – molto curata e un po’ impacciata – che interrompe la conversazione dando la mano a Luciano e ad Annarita.

 

LUCIANO Oh… ciao Rosè…

ROSETTA Buonasera ingegné…

BICE Che fiorellino! (fra sé)

ANNARITA Rosé… auguri … Sei proprio bella!

ROSETTA Grazie, grazie…

ANNARITA T’è piaciuto? (le prende la mano dell’anello)

ROSETTA Sì, sì… moltissimo. Grazie…

 

La radio si spegne, rientra Sandrino e va da Filomena per informarsi.

 

LUCIANO L’ha scelto Annarita, Rosé… Ma vidi pocu se che nne dice… accertati… (e le indica con la testa Raffaele) Pò esse’ pure che se sveja…

 

Rosetta esegue con Raffaele che l’accarezza.

 

ROSETTA …Mbè, non te piace? (e glielo mostra)

RAFFAELE Certu che me piace… Ma è ancora cchiù ’mportande, perché te j’ha fattu Bruno, Rosé… E co’ Bruno te po’ sindì sicura… tè le spalle larghe… Quesso ste’a penzà… ’Nu veru signore… Basta sindiju parlà, pe’ capiju… Ma che ve ’oleate bene, però, ji solo pocu fa lo so’ saputu. E ci semo pure ’nu pocu bbaccajjatu… Ma mo è tuttu finitu… no’ te proccupà… (Rosetta l’abbraccia e si ricolloca vicino ad Annarita)

LUCIANO Aaah, ti sci svejatu!?

RAFFAELE Scì, scì… me so’ svejatu… Perché è quello ch’è successu co’ ’ssi fiji, che masséra ha fattu brischela, Lucià…E se te coje, mancu t’avvisa: arrìa e bbonasera. So’ ccose dilicate quesse… e nojari no’ ci tenessimo mai entrà… Perché, chi se ’o’ bbene, tè tutt’ju munnu ’mmani / e nisciunu mai, ji pò fà cree che non è vero. E ji, me nne stéa a scordà…! (Luciano annuisce sorpreso e compiaciuto) Certu, ci so’ remastu male d’esse’ ju solu a no’ sapenne gnende, se capisce… ma quanno viti che ’ssi fiji so’ fiji nostri e che se so’ pure ’nnamorati, che vo’ di cchiù?,… penzea. E me so’ svejiatu… E pe’ nojari che ci conoscemo da ’na vita, è statu pure ’nu beju regalu quissu, ’icemoce la virità… Inzomma, no’ potea che finì cuscì. (e ripensa…) L’acqua ’e ju fiume, se nne va sembre abballe / no’ nn’ammonde, ’icea paremu… E’ come ju témpu… ’icea.

LUCIANO Mmmh… ma ju stete a sintì…?

 

Applauso discreto e sorrisi d compiacimento 

 

BICE Aaah, bellissimo! … E come l’amore…

RAFFAELE Eh eh… Quesso volea ’ndenne…

BICE Stupendo! Quando è vero amore… no, non si torna indietro… E naufragar m’è dolce in questo mare… Questo, il Raffaele che più apprezzo…

 

E con il tipico fischio di meraviglia che solitamente si fa per due belle gambe ne

sottolinea alla sua maniera la condivisione…

LUCIANO Hai capito… vatte a fidà! … Ecco se filosofeggia pure… Sorbole!

 

E mentre tutti ridono e si compiacciono per la nuova posizione di Raffaele, suonano alla porta dove Sandrino si recherà passando davanti a Rosetta cui prenderà la mano…

 

SANDRINO De Giuliana, eh…

 

E si avvia ad aprire mentre lei lo ripaga con simpatica smorfia: è Bruno. Che muoverà verso Rosetta, salutando Filomena, Raffaele e Bice.

 

 

SANDRINO Bru’…

BRUNO Sandrì…(allarga le braccia e…) Buonasera… e grazie dell’ospitalità. Hanno diciso tuttu ’sti signori… Io non c’entro, lo preciso. Hanno anticipatu tuttu… L’intesa era ’nu pocu diversa… Chiedo scusa, ma non ci so’ riuscito a trattenerli. Hanno anticipatu tuttu… Vero, Rosé?

ROSETTA Mmm… (annuisce ma non troppo convinta)

 

Sorridono anche gli altri seguendo Bruno che si pone vicino a Rosetta. Da questo momento, pur dentro la conversazione, si ritroveranno sovente a scambiarsi sguardi e sorrisi con molta discrezione. Mentre Luciano risponde subito alle argomentazioni del figlio…

 

LUCIANO Domà steng’ a Bologna, “anticipà”…non ti cci mette’ pure tu, …” Chiedo scusa, chiedo scusa… (…rifacendone il verso) …Ma de che? …Insomma, j’anellu s’è fattu pe’ ’na certa occasione… o abbiamo capito male.

BRUNO No, no…questo no… perché domani Rosetta fa diciott’anni… Ma i patti però…

LUCIANO E vabbè… i patti erano diversi. E allora? (e a Rosetta) Scusa, Rosè… Ma tu come la pensi ?

ROSETTA No no… E’ stata ’na sorpresa bellissima, ingegné… Me la ricorderò sempre. Grazie. So’ proprio contenta.

 

E Luciano a Bruno.

 

LUCIANO Hai sintito come se parla, quatrà? Quindi, ’atte ’na carmata, e lassa fa’ aji ’rossi. (poi ponendo una mano sulle bottiglie e rivolto a tutti) Mo se festeggia la quatrana… Ch’è pure ora… O le fionnemo?

RAFFAELE Ma che ta fionnà? …I picchieri, Filomè!

FILOMENA Li prendo subbito! (raggiante)

LUCIANO Zittu, zittu… me sa che ce la semo fatta… (e a Raffaele) Ce lla semo fatta, Raffè ?

RAFFAELE Ma certu… che aru se ta fà…? Ji quatrani se vonno bbene addaero, Lucià… E so’ cuscì sicuru, che se sse nne ’olessero pure ’e ’meno ’e quantu ji ne so’ vulutu a Filomena, già bastesse…

 

E Luciano nel suo solito stile, non manca di ricamarci sopra…

 

LUCIANO Aaah…senti se’…“son tornate a fiorire le rose…” / ecco non se pazzìa… Filomè… ma te fa ancora ’ste serenate ?

FILOMENA Eh, beji témpi quiji, Lucià…! Non se scordano…

 

E mentre sorride compiaciuta per le parole di Raffaele… si approccia a preparare il vassoio che poi adagerà sul tavolo.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
  1. blank
    “‘NA NIVICATA CO’ JI FIOCCHI”, COMMEDIA DELL’AQUILANO GIORGIO CAVALLI: L’OTTAVA PUNTATA
    L'AQUILA - AbruzzoWeb torna a pubblicare “Na nivicata co ji focchi”, la commedia scritta da Giorgio Cavalli, il primo aquilano a ...
Articolo

Messaggio elettorale a pagamento
blank
Messaggio elettorale a pagamento
blank
Messaggio elettorale a pagamento
blank
Messaggio elettorale a pagamento
Messaggio elettorale a pagamento
squadra lega l'aquila
Messaggio elettorale a pagamento

Ti potrebbe interessare: