“‘NA NIVICATA CO’ JI FIOCCHI”, COMMEDIA DELL’AQUILANO GIORGIO CAVALLI: LA QUARTA PUNTATA

12 Gennaio 2022 10:11

L'Aquila: Cultura

L’AQUILA – Di seguito la quarta puntata di  “Na nivicata co ji focchi”, la commedia scritta dall’aquilano Giorgio Cavalli, il primo aquilano a partecipare a Sanremo e, tuttora, uno degli uomini più rappresentativi dello spettacolo aquilano.

Cavalli fu testimone diretto della famosa nevicata che, nel febbraio 1956, ricoprì il capoluogo sotto metri e metri di coltre bianca. Ecco perché la commedia rappresenta un vero e proprio spaccato di storia e di vita del tempo che, nelle prossime settimane, AbruzzoWeb continuerà a raccontare per ancora sette puntate.

Per una migliore e più consapevole lettura, precisa l’autore “i puntini di sospensione vanno considerati in massima parte come ‘pause'”.

 

QUARTA PUNTATA

‘NA NIVICATA CO’ JI FIOCCHI…

Intanto rientra Raffaele con il caffè in tazzine che loro due cominceranno a degustare.

ROSETTA       Che bella storia…
GUSTAVO      Bella non lo so, ma se te piace… A propositu… me pare che ve’ pe’…
FILOMENA   Scì, scì… pe’ ’na camicetta. E’ da mo ch’è pronta…
ROSETTA      Interessante…Bella, bella e bella. Romanticismo puro…! (mentre si alza)

Lascia quindi il libro sul divano e, saltellando, si avvia verso l’interno.

GUSTAVO     E cuscì, ci semo fattu pocu ’e repassu… Anche se co’ Veronica, qualcuna di cchiù ce la so’ pure ’nzaccata… eh, Filomè…?
FILOMENA   Mbè, mica tantu… (conosce la storia)

Gustavo ride per poi dare una pacca alla spalla di Raffaele ancora turbato…

GUSTAVO    Ma la sta’ a sintì, mojeta? …Forza Raffè, penz’alla salute!
RAFFAELE  Che capetò… M’ha ruinatu la jornata…
GUSTAVO    Ma perché ’ss’accanimentu?
RAFFAELE  E che nne saccio…?

Intanto Gustavo e Raffaele lasciano le sedie.

GUSTAVO    Che caspita, stémo sempre ’nzieme… èsso ci ta sta’ pe’ forza ’nu mutivu… ’Ssu fattu non se spiega… Ma che j’è successu?
RAFFAELE   Se nne sarrà iscitu… Che tenga penzà ?
GUSTAVO    Propiu ’na dicina ’e jorni fa ci semo pijatu ju thè a Panzunittu… E non ju so’ chiù vistu. Mah…sinceramente, non so che dire! Pe’ la partita, che se fa, la sumbemo?
RAFFAELE   No, no… e perché? …Tenga pure passà alla commare…
FILOMENA  Uh, è vero… ti pijo la pomata…

Filomena si alza e va ad aprire un cassetto della credenza da cui trarrà un tubetto che consegnerà a Raffaele.

GUSTAVO    Che ha fattu…?
FILOMENA  Ha sbattutu ’nu pocu ’u ginocchiu… gnende…
RAFFAELE   Gnende scì… Sta colecàta, che non se po’ moe, gnende… E senza mancu ’n’anemesante che ji ’à ’na mani…
GUSTAVO     Ma non ci sta Liliana?
RAFFAELE   Scì, mo magni…St’a Firenze la fija, Gustà! …Rosé, ju sciassu, a’ pacenza. Lilliana scì… Come ci po’ sta’, se va sempre girènno…!

Rosetta stava appunto rientrando ma alla richiesta del padre si gira dirigendosi verso
l’interno per eseguire…

FILOMENA  Ma non è che sta sòla… Non ji ’a’ rètta a quissu… Irzilia sta sempre loco, non ji ’a’ rètta…

Gustavo annuisce, Rosetta torna e aiuta Raffaele ad indossare il cappotto porgendogli poi anche il cappello. I “due” si avviano verso l’uscita, mentre Filomena si alza per consultare un campionario di stoffe posto sul ripiano della credenza che comincia a sfogliare.

RAFFAELE   E mannaggia chi ’ico ji…! Po’ ’ice che unu refà la serva…Jamo ja’…
GUSTAVO    Ciao bellissime!
ROS. E FILOM. Bonasera ragionie’ – Ciao Gustà…
FILOMENA  Mbè, Rosè… non s’è cotta…
ROSETTA     Ah, già… No, no, ci vo’ ancora parecchiu. Ma non te preoccupà, che non s’abbrùcia. E’ sotto il mio diretto controllo… Stia tranquilla! (divertita)
FILOMENA  Scì scì, se vede…

Ma mentre Rosetta riprende il libro lasciato sul divano…

FILOMENA Guarda pocu ’ste stoffe… (e appena le è vicino) …Quale te piace di cchiù… questa…o questa? (indicate col dito)
ROSETTA Ma pe’ chi so’…?
FILOMENA Pe’ Grazziella… L’ ha scielte essa…
ROSETTA Mbè… forse… quistu, ju colore giustu… Scì, scì… il più indicato…
FILOMENA Ji lo stessu… Vabbè, vabbè…

Rosetta si riavvia quindi verso la finestra ma suonano alla porta e va ad aprire: è Veronica, l’ancora “seducente” moglie di Gustavo che muove verso il braciere per caldarsi.

VERONICA   Aaaah… che calducciu! …Ciao Rosé… Filomè…
ROSETTA     Buonasera…
FILOMENA  Verò… Me sa che ci troémo le ragnatele…

Intanto ripone il campionario per poi tornare alla macchina

VERONICA   Eh, lo so, lo so… Che frètta ci stea…? (e le siederà vicino)
FILOMENA   Vammela a pijà, Rosé… Aju terzo cassittu.
VERONICA   Ma che ha fattu, Raffele? M’è sembratu un po’ stranu…
FILOMENA   Sta bbonu, sta bbonu…non te proccupà, che sta bbonu… Te llo racconta Gustavo…(Veronica annuisce mentre Rosetta si dirige verso l’interno…) Ji me so’ stufata, ’e sintiju. St’a fa’ ju diaulu a quattro ch’è ’na jornata… Raffele è tignusu…
VERONICA   Non mme so’ sbajata… Me volea pure fermà ’nu minutu… ma quandu Gustavo va aju circulu…pe’ carità…
FILOMENA   Mo ci rinunceno aju tressette, scì… Se cammina fore?
VERONICA    Insomma… Certu, che nn’ha fatta, eh…
FILOMENA    Mannaggia, se nn’ha fatta…

Rientra Rosetta con la camicetta che Filomena trae dalla carta e mostra a Veronica.

FILOMENA    Eccola, Verò… A mmi, me pare ’nu pocu troppu scollata…però guardetela prima addossu… Se pò sempre retoccà.
VERONICA     Ma non me la posso vedé mo?
FILOMENA    Certu, come no…

Veronica comincia a liberarsi degli indumenti necessari. Trattandosi di una bella donna, tutto dovrà avvenire in maniera lenta ed intrigante. Quanto alla camicetta, trattasi di un capo raffinato, degno della mani di Filomena, che verrà indossato con tutto quel che ne segue…

VERONICA     Scusa, Filomè…(le porge i capi momentaneamente dismessi)
FILOMENA     Forse so’ sbajatu, a non falla come ju figurinu… (fra sé)
VERONICA     E perché… Mo lo vedemo subbitu…(appena messa a punto) Quant’è bella, Filomè… sci propiu brava.
FILOMENA    E come te sta, Verò… So’ condenta, che te piace…
VERONICA     A ti, Rosé…?
ROSETTA       Magnifica… un gran bel decoltè. Veramente non è da tutti…
VERONICA    Ma te ll’ha ’ittu mai nisciunu, se quanto sei caruccia tu?
ROSETTA       Grazie, grazie..… (impacciata) Ma voi tenete classe… E la classe non se compra, è innata… Questo è sicuro.
VERONICA    Eeeh, addirittura… (ridendoci un po’, se ne compiace)
FILOMENA   Ma non te sembra troppu scollata?
VERONICA   Mbè…scollata c’è…me pare propiu… Ma tu lo sa come la pensa Gustavo… (riflette con la mano sotto il mento) Scì, scì… me la potrei mette’ propiu aju matrimoniu ’e Vincenzu… Co’ quiju tajèr…scì, scì… E’ bella, mi piace, Filomé… Ma è davero cuscì scandalosa?
ROSETTA      Ma quale scandalosa…Se mamma la ritocca, ’ssa camicetta è bella e finita, secondo me…
VERONICA   E allora lascemola cuscì che non ci sbajemo, Filomè…
FILOMENA  Se capisce… Te sta propiu bbene.

E mentre si riassetta …

VERONICA    E’ bella…me piace molto… Ma mo, se te dovessi pagà…
FILOMENA    Non ci sta nisciuna frètta, Verò…no’ te proccupà…
VERONICA    No, no… Lo so, lo so… Era solu pe’ ditte, che me so’ ’ncundrata co’ Briggida… Propiu sottu casa… (sospira) Che pena, Filomè! Insomma – è mejo che non se resà – ma a vedella cuscì, so’ pijatu tuttu quello che portéa, e jelo so’ ’nfilatu alla borsa. Ma che fatica! Non ji volea accetta’ di nisciunu modu… E me j’ha pure rimissi ’mmani… Insomma – pe’ falla breve – la so’ tenuta rassicurà de consideraji come ’nu prestitu… E ss’ è convinta… (sospira) Questa, la situazione…
FILOMENA     Eh, st’a passa’ ’nu bruttu momendu… sci fatta ’n’opera ’e carità. Ji, solamende se lla vedo èsso alla parrocchia, mi ci fermo pocu…Alla casa, cerco ’e no’ jicci… (con rimpianto) E ddi’, che stea sempre loco!
VERONICA      Che destino ingrato!
FILOMENA      Vinirdì, non tenea mancu ji sordi pe’ la carbonella, Verò…
VERONICA      Oh Signore…! Ddo’ so’ finite, quelle belle risate!
FILOMENA      E come sonéa…! Remaneamo a bocc’aperta, quandu se mettéa aju pianuforte.
VERONICA       E mo, nu’ ju tè’ mancu cchiù! …Ma sa’ che voja ’e sonà, se ta penzà pure alla carbonella… Anzi, ddo’ pija tutte ’sse forze, io non lo so.
FILOMENA       Eh, non è stata pe’ gnende furtunata!
VERONICA       Che se po’ fà, pe’ daji ’na mani…? Ma è cuscì orgojosa…
FILOMENA       Pe’ forza, Verò…se sente a disaggiu… E se po’ pure capì… Ce llo recordemo quello ch’era Tullio, no? (sospira) La guerra non tenesse propiu isiste’… De ’na manera o de ’n’ara, te lascia sempre le cicatrici…
VERONICA        E pe’ ’ssa pòra Brigida, so’ pure ’ròsse… Che se po’ fà? …èsso se tratta ’e vive alla jornata, mannaggia sampisternu!
FILOMENA       Però, pure Tullio… Mo so’ anni…
VERONICA       Eh, ormai è divendatu ’nu vizziu. Se quello pocu che sse guadagna, se llo gioca, de vizziu se tratta. Che atru sennò…!?
FILOMENA       Quiju se repenza a quello ch’è statu, Verò, e co’ ju jocu cerca ’e scordassene…
VERONICA        Scì, scì, ma se nne ta fa’ capace… non se pò vive ’e ricordi… Le sfilate so’ finite già da ’nu beju pezzu, ormai… E tè’ pure ddu’ fiji che vanno alla scola… E quesse, so’ spese… non so’ fainèlle…

Rapida la risposta di Rosetta a Veronica.

(segue)

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: