“‘NA NIVICATA CO’ JI FIOCCHI”, COMMEDIA DELL’AQUILANO GIORGIO CAVALLI: LA QUINTA PUNTATA

17 Gennaio 2022 09:48

L'Aquila: Cultura

L’AQUILA – Di seguito la quinta puntata di “Na nivicata co ji focchi”, la commedia scritta dall’aquilano Giorgio Cavalli, il primo aquilano a partecipare a Sanremo e, tuttora, uno degli uomini più rappresentativi dello spettacolo aquilano.

Cavalli fu testimone diretto della famosa nevicata che, nel febbraio 1956, ricoprì il capoluogo sotto metri e metri di coltre bianca e, proprio per un episodio realmente accaduto in quei giorni, prese spunto, anni fa, per farne un lavoro teatrale.

La commedia rappresenta quindi un vero e proprio spaccato di storia e di vita del tempo che, nelle prossime settimane AbruzzoWeb continuerà a raccontare, per ancora sette puntate.

Per una migliore e più consapevole lettura, precisa l’autore “i puntini di sospensione vanno considerati in massima parte come ‘pause'”.

QUINTA PUNTATA

‘NA NIVICATA CO’ JI FIOCCHI…

Rapida la risposta di Rosetta a Veronica.

ROSETTA           Achille tè la media dell’otto.

VERONICA        Ha’ capitu ?…Atru che qui’u turzu ’e fijemu…

ROSETTA           E Valentina, traduce direttamente da greco a latino, e da latino a greco… Ci tè’ dieci.

VERONICA        Che fiji, Filomè!?

FILOMENA        Scì, scì, so’ tandu bravi…

VERONICA        E ju patre joca…! Insomma, ha la fortuna de retrovasse ddu’ perle de fiji cuscì – che magari non se possono permette’ mancu ju cinematografu – e ancora gioca… Mannaggia, oh… Ma che penza de fà…ji ’o’ mannà pe’ ’llemosina? (risoluta) No, no, Filomè, a pensarci bbene, cuscì non pò continuà. Ecco se ta vedé seriamente ’ssa storia, ci tenema move’… Chiù scuru ’e cuscì!

FILOMENA        E che potemo fà?

VERONICA        Intantu, parlémo co’ Luciano…Che ne dici? …Vo’ vedé che è propiu quessa, la soluzziò? Ha fatt’entrà tanta gente… O è divendatu ’n urzu pure issu?

FILOMENA        Ma che urzu… Lo penzo pure ji, che se vo’, lo po’ fà, ma te lla ta vedé sòla, Verò…/ ji no’ te pozz’aiutà / non so’ bbona pe’ ’sse cose… Però non ci creo, che Luciano non lo sa…

VERONICA        E allora, perché non se move ? Non sta scrittu a nisciuna parte, che ognunu ta penzà solu aji fatti se’.

FILOMENA        E so’ pure tantu amici…

VERONICA        Certu …  Ma ji amici veri, ecco se vedeno, sennò che te nne fa’? ’Sta cosa non la diggirisco…

FILOMENA        Ma co’ Tullio… chi sci ji fa, ’i cunti?

VERONICA        Aaah…! – quant’a questo, non te preoccupà… – Tu me cunusci… Se me revesto ’e carattere, te faccio vedé de che so’ capace. …Anzi, ju primu che tenga sonà, è propriu issu. Ji tenga fà ’na remenàta, che ji ta vinì l’ittirìzzia. Vedemo se che me responne…

FILOMENA        Speriamo…

VERONICA        Ta guardà alla realtà, non è cchiù tempu ’eji stèmmi… E la ta piantà co’ le carte… puntu e basta!  E se non lo sa fà, jelo ’nzegno ji, statte tranquilla. Eeeh, co’ mme s’è ripulitu… Ji non me faccio ’ncantà tantu facilmente…

FILOMENA        Ah, de quesso so’ sicura… (sorride)

VERONICA        Te faccio vedè se che te cumbino. ’Ncartame ’ssa camicetta, scusa Filomè… Tengo ancora la faccia ’e Briggida stampata ecco…! (si batte la mano alla fronte mentre Filomena incarta).

FILOMENA        Eeeh… la vita è fatta propiu pe’ suffrì… E ji ’emo pure ’na mani!

VERONICA        Anzi… sa’ che è… (guarda l’orologio) …mejo batt’ju ferru quann’è callu, Filomè… perché aspettà! Mo subbitu ’na visitina all’illustre avvocato… tantu chi ju sposta?, loco sta. E domà ’na “bella serenata”, pure a quij’atru. Sennò, ecco ci raddormémo, Filomè…

FILOMENA        Pòrtete Gustavo…

VERONICA        No no, tenga esse’ libbera / non me serve nisciuno / ci tenga parlà a quattrocchj.  (riceve il pacchetto da Filomena) …Domà me sente!:  J’ovu a Pasqua, e la parola quandu casca, Filomè… Vedemo chi la spunta.

FILOMENA        Speriamo…

 

Veronica si avvia verso l’uscita, mentre Rosetta torna alla finestra.

 

VERONICA        ’Ssa situazziò no’ se pò ignorà!… Briggida v’aiutata, e ji non mi cci vedo, a fà l’indifferente… / ’sse cose, me fanno male… Ma faccio tutto quello che serve… non ne tenga sgarra’ una. E ci semo pure svejate tardi, mannaggia sampisternu! / (netta) Filomè – Rosetta è testimoniu – se non ci rrèscio, me faccio monaca!

FILOMENA        Moneca scì … Famme sapè… (sorride)

VERONICA        Non te preoccupa’… Ma te faccio vedé pure se che tte faccio: Casamicciola, Filomè! … Ci puoi scommette’. Ciao! (esce infuriata)

 

Rosetta che l’ha seguita attentamente ne apprezza anche la generosità.

 

ROSETTA           “Non me serve nisciunu…Casamicciola…” Mannaggia, che donna energica… Tale e quale a come ce l’ha raccontata Gustavo… E che altruismo…

FILOMENA        Eh, come no…? Quessa è fatta cuscì… non se rassegna a ’sse cose… Ji non lo saccio se ci rrèsce… ma de sicuru… Uh, Rosé, la trippa? (fa per alzarsi di scatto dalla sedia)

ROSETTA           St’a posto… la so’ scanzata… (con nonchalance, ride divertita)

FILOMENA        Ma tu guarda quessa… (si risiede)

 

Quindi verifica dei fogliettini ma non trovando quello di Graziella prende il metro e chiama Rosetta che le si avvicina.

 

FILOMENA        Rosé… famme vedé… Non me retròo le misure ’e Grazziella…

ROSETTA           Ma non è chiù bassa?

FILOMENA        Non fa gnende, non fa gnende…famme vedé…

 

Filomena incomincia a prendere le misure con Rosetta e annota.

 

ROSETTA           Ma’…ju tittu, ju tittu… Ma ch’è successu? (per curiosità)

FILOMENA        Non te mòe, statti fitta… Quandu paritu ju ste’a spalà, è passatu Luciano, e hanno baccajjatu…

ROSETTA           Mbè?

FILOMENA        Embè e mbè… Basta co’ ’ssu tittu, Rosé, non nne pozzu cchiù!

ROSETTA           Ma chi Luciano…j’ingegnere?

FILOMENA        Certu… chi sennò?

ROSETTA           Mmmmmh! …E mo? (s’incupisce)

 

Intanto Filomena torna al lavoro.

 

FILOMENA        Pàritu facesse mejo a penzacci ’nu momendu, prima ’e parlà… Ma che ci accucchj ?

ROSETTA           Mannaggia… che guaju!

FILOMENA        Eh, addaero, addaero… Che te ’mporta?

ROSETTA           E scì scì…! (preoccupata)

 

Filomena si  volta mentre Rosetta torna di nuovo alla finestra.

 

FILOMENA        Se’ quatrà …ma che t’ha pijatu oji? …So’ ciento ’ote che va’ a ’ssa finestra… E ’atte pace!.. Me st’a fà girà la coccia, fija me… ’Atte pace!  Ma che ci sta de tantu importande?

ROSETTA           Ma’…te tenesse assolutamente fà sapé ’na cosa… ma è difficile…E mo diventa ancora più cumplicatu, porca loca…  Tengo pure paura…

FILOMENA        Te’ paura… e de che?

ROSETTA           Ma’… me lo devi promette’…  Papà… non nne ta sapé gnente.

FILOMENA        Temé! …a ’ssu puntu?

ROSETTA           Scì ma’…me lo ta promette’…è cuscì importante, che non se po’ mancu ’mmagginà! Co’ quello ch’è successu… se papà lo ve’ a sapé… Oddio / non ci posso pensà… / Ci manchéa ju tittu, ci manchéa! (senza drammatizzare)

FILOMENA        E che c’entra, ju tittu?

ROSETTA           C’entra, mannaggia, c’entra!  …Ma’… (indugia, non ha il coraggio)

FILOMENA        Mbè?, fatt’iscì ’ssu fiatu, su…

ROSETTA           Ma’… me so’ fidanzata co’ Bruno.

FILOMENA        Oh… Gisù Cristu me!  (impalata…)

ROSETTA           Scì mà…co’ Bruno…da quasci ’n anno. Ci volemo bene… Tenéa repassà versu quest’ora… Perciò la finestra…

FILOMENA        Oh, Madonna me!  …Ju fiju ’e Luciano? (stordita)

ROSETTA           Ju fiju ’e Luciano!

 

E si asciuga “una furtiva lacrima…” con il dorso di una mano, mentre Filomena – muta – porta le sue sul volto con fissità su Rosetta… (Coda musicale con ”Jane Morgan in “Melody d’amour” di Henri Salvador – qb)  e sipario –

                                                                                    FINE PRIMO ATTO

 

(segue)

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Messaggio elettorale a pagamento
    blank
    Messaggio elettorale a pagamento
    blank
    Messaggio elettorale a pagamento
    blank
    Messaggio elettorale a pagamento
    Messaggio elettorale a pagamento
    squadra lega l'aquila
    Messaggio elettorale a pagamento

    Ti potrebbe interessare: