NAVELLI VERSO IL VOTO, FEDERICO IN CAMPO: “CONTINUITA’ E RINNOVAMENTO”

5 Settembre 2020 08:14

NAVELLI – “Continuità e rinnovamento”.

È questo il motto scelto dal sindaco uscente, Paolo Federico, ricandidato alla carica di primo cittadino di Navelli (L’Aquila) nella prossima tornata elettorale del 20 e 21 settembre.

Parole che riassumono in maniera plastica gli ultimi 20 anni dell’impegno politico di Federico per il suo paese.

La competizione elettorale per le amministrative 2020 vede scendere in campo il sindaco uscente, appoggiato dalla lista “Insieme”, e Luigi Torlone, sostenuto dai candidati della lista “Un nuovo orizzonte”.

Una passione, quella per la politica, che – come spiega Federico – lo ha sempre accompagnato negli anni della sua formazione e che si è concretizzata con l’elezione a sindaco il 13 giugno del 1999.

Il primo cittadino è rimasto in carica fino al 2010, un anno in più per via della proroga per il terremoto del 2009 che ha colpito la città dell’Aquila e i borghi vicini.

“Sono sempre stato in prima linea per il mio territorio – racconta ad AbruzzoWeb – sono sceso in campo tutte le volte che ho ritenuto necessarie per poter, insieme ai miei concittadini e con i componenti del Consiglio e della Giunta, far fronte alle criticità e alle problematiche sorte nel post-sisma”.

Prima della rielezione nel 2015, Federico è stato alla guida della città come vice sindaco, accanto all’allora primo cittadino Paola Di Iorio, e oggi torna a candidarsi “per dare continuità all’azione amministrativa portata avanti in questi anni”.

“Nel motto che abbiamo scelto un’altra parola importante è ‘rinnovamento’, questo perché se è vero che è fondamentale proseguire sul cammino che abbiamo intrapreso è essenziale sottolineare che solo tre consiglieri su 10 hanno già partecipato alla vita amministrativa di Navelli – spiega Federico – abbiamo puntato sui volti nuovi e sui giovani”.

Anche il nome della lista è stato scelto con molta attenzione, come ci tiene a precisare il candidato sindaco: “Insieme nasce perché con la frazione di Civitaretenga, 20 anni fa, è stato stabilito di stare appunto insieme, percorrendo uno stesso cammino”.

Volgendo uno sguardo al passato e al presente, Federico si dice soddisfatto per i risultati ottenuti: “Sul fronte della ricostruzione siamo a buon punto, anche per quanto riguarda quella pubblica, penso al nuovo municipio, alla scuola, alle chiese; la ricostruzione privata, poi, è stata portata avanti benissimo: stiamo oltre il 60 per cento”.

Tra gli obiettivi da realizzare, Federico sottolinea la volontà di creare un gruppo di Protezione civile comunale che contribuisca a un monitoraggio continuo del territorio e che permetta di essere ancor più efficienti in caso di calamità naturale.

Ma la ricostruzione non è il solo fiore all’occhiello di questi ultimi anni di amministrazione per Paolo Federico: “Non bisogna dimenticare – ricorda – la grande promozione del borgo in campo turistico. Anche quest’anno, nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria in corso legata al Covid, abbiamo registrato un numero di presenze veramente eccezionale, un risultato che ci ha inorgogliti”.

Navelli, tra le altre cose, “è stato tra i primi comuni a mettere a disposizione il wi-fi libero e gratuito”.
Tutti risultati che, chiosa il primo cittadino uscente, “non sarebbero stati possibili senza il sostegno e lo spirito di proposizione di tutti i civitaresi e i navellesi, oltre ovviamente all’amministrazione comunale tutta che tengo a ringraziare”, conclude Federico.

Ad accompagnare Federico nella nuova sfida i candidati della lista “Insieme”: Daniela Rosa, Alessandro Rosa, Gianfranco Napoleone, Erica Cantalini, Mario Federico, Alfonso Papaoli, Serafino Torlone, Danilo Di Rosa, Fabrizia Federico e Francesco Di Iorio.

Forti dell’esperienza accumulata e delle competenze acquisite – si legge nel programma elettorale della lista – vogliamo rinnovare l’impegno, la serietà e la disponibilità che contraddistinguono ogni singolo candidato consigliere della lista Insieme.

Il programma da noi ideato nasce dalla volontà di un gruppo che ha deciso di mettersi al servizio dei cittadini, senza alcuna distinzione di sorta, per agire con l’unico obiettivo del perseguire il bene comune dei cittadini di Navelli.




IL PROGRAMMA IN SINTESI

Quattro i punti chiave: Insieme oltre il terremoto, l’amministrazione al fianco dei cittadini, dare valore alle nostre risorse e contrastare la crisi economica.

Sulla scorta dei cambiamenti messi in atto dalla ricostruzione affronteremo, nel corso dei prossimi cinque anni, il tema dell’urbanistica e dell’uso del territorio: per questo motivo si rende necessaria una revisione del Piano Regolatore Generale dell’intero Comune che tenga conto delle nuove esigenze della popolazione.

Inoltre, continueremo a garantire la cura del territorio, la pulizia delle strade e degli spazi di verde pubblico che oggi sono stati arricchiti anche da una moderna, efficace ed efficiente illuminazione a led che già sta dando i suoi frutti in termini di risparmio energetico.

Nel capitolo ricostruzione e prevenzione delle calamità naturali rientra anche l’obiettivo dell’impegno per la realizzazione di un gruppo di Protezione civile comunale e, auspicabilmente, anche di tipo intercomunale, in modo da contribuire ad un monitoraggio continuo del territorio ed essere più efficienti in caso di calamità naturale.

Sul tema dei servizi al cittadino abbiamo intenzione di perseguire una strategia ben definita che nel corso dei prossimi cinque anni consentirà ai residenti di potere avere maggiori prestazioni, quali il mantenimento dell’ufficio postale presente e funzionante, al quale si affiancherà la presenza di un Atm voluto e garantito dalla stessa Amministrazione come utilità pubblica.

Riguardo anziani e fasce deboli, la nostra Amministrazione ha già in essere una stretta collaborazione con gli uffici per la gestione dei servizi Sociali dell’Ecad.5, con sede operativa nella comunità montana Montagna di L’Aquila e con la ASL di riferimento.

Quest’ultima è nata dal fatto che siamo consapevoli dei bisogni sociali della nostra popolazione, costituita in larga parte di anziani, minori e famiglie bisognose. Per tutti loro si avrà a disposizione anche i punti di ascolto realizzati nella sede del comune, con la presenza attiva degli assistenti sociali.

Per la scuola riteniamo che garantire la presenza sul territorio delle istituzioni scolastiche, in primis dell’Istituto Comprensivo con sede in Navelli, sarà una sfida essenziale per la nostra Amministrazione.

Dobbiamo lavorare per assicurare non solo l’apertura della scuola come classi e presenza di alunni, ma anche conservare gli uffici e la dirigenza scolastica. Faremo in modo che si possa arrivare all’accesso di fondi europei, nazionali e regionali, tenendo conto dell’importanza della scuola come partner per la realizzazione di reti anche a fini sociali, che possano dare agli alunni altre possibilità e occasioni di formazione.

I giovani saranno coinvolti nella gestione delle attività culturali e sportive che saranno messe in atto e nell’ascolto delle loro volontà nelle questioni pubbliche, con la Pro-loco che garantirà l’apertura del punto internet presso la loro sede e saranno ricercate ulteriori possibilità di aggregazione e svago, anche insieme agli esercenti locali pubblici presenti sul territorio.

Continueremo ad ospitare, in collaborazione con il FAI, le giornate di primavera e la possibilità di ospitare grandi eventi e grandi nomi. Fiore all’occhiello di queste iniziative sarà la promozione dello zafferano ed i prodotti tipici come volano per Navelli e la sua omonima piana. Vogliamo impegnarci a percorrere tutte le strade possibili per la massima valorizzazione della preziosa spezia, cui deve essere collegata un’immagine di benessere e di qualità della vita che possa veicolare il “marchio” Navelli nel mondo, mentre resta saldo il sostegno istituzionale e reale ai produttori di zafferano e di altri prodotti tipici, al fine di continuare la grande opera di rivalutazione delle produzioni più genuine e di nicchia del nostro territorio.

Molta attenzione sarà data alla valorizzazione dei ceci bianchi e rossi, con la fattiva collaborazione con il Presidio Slow-Food, che ci permette di entrare in un altro circuito nazionale ed internazionale di grande rilevanza e prestigio, da valorizzare in termini sia di produzione e commercializzazione del prodotto, ma anche turistica.

Le iniziative culturali ci vedranno impegnati come interlocutore disponibile e collaborativo con tutte le associazioni presenti sul territorio. Tutte le risorse in possesso del Comune sono e saranno sempre a disposizione degli enti e associazioni che promuoveranno a tutti i livelli manifestazioni ed eventi culturali nel nostro territorio.

Compatibilmente alle esigenze di bilancio, metteremo a disposizione risorse finanziarie e contributi per sostenere nuovi progetti e nuove attività culturali.

La recente crisi economica e sociale innescata dall’emergenza Covid-19 non ci ha trovato impreparati e non deve precludere la possibilità di sviluppo economico. Al contrario, pur consapevoli di come questa non sia una sfida semplice e nella massima tutela della salute dei cittadini, dobbiamo lavorare per fare in modo che
quanto generato dall’emergenza possa diventare una risorsa ed un incentivo al turismo esperienziale e di prossimità.

La nostra Amministrazione non si farà trovare impreparata nel recepire le nuove opportunità nate delle moderne tecnologie legate dalla rete internet, come l’e-commerce e i servizi alla popolazione, andando a potenziare nello specifico la linea delle comunicazioni con la fibra ottica.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©



ARTICOLI PER APPROFONDIRE:


    Ti potrebbe interessare:

    Gli articoli più letti in queste ore:

    Do NOT follow this link or you will be banned from the site!