“NO ESPROPRIO ILLEGITTIMO DEI BALNEARI”, LEGA:
“A RISCHIO MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO”

29 Novembre 2021 18:19

Regione: Politica

PESCARA – “Ferma opposizione della Lega a un provvedimento che rischia di mettere a rischio migliaia di posti di lavoro su tutto il territorio abruzzese”.

È quanto è stato ribadito oggi a Pescara nel sit-in organizzato dalle associazioni regionali dei balneatori a difesa dei diritti concessionari per discutere della recente sentenza del Consiglio di Stato, al quale hanno partecipato esponenti della Lega, l’europarlamentare eletto nella circoscrizione centrosud Massimo Casanova, il deputato Antonio Zennaro, gli assessori regionali Nicola CampitelliNicoletta Verì, i consiglieri Luca De Renzis, Vincenzo d’Incecco e Sabrina Bocchino, il vice coordinatore regionale della Lega Massimiliano Foschi

“Insieme all’europarlamentare Massimo Casanova, all’assessore regionale Nicola Campitelli e alla consigliera regionale Sabrina Bocchino, abbiamo ribadito la ferma opposizione della Lega a questo provvedimento giudiziario e il pieno sostegno a tutti i livelli, affinché l’intero comparto, con oltre 900.000 operatori del settore e 700 stabilimenti presenti in Abruzzo non si ritrovi  tra due anni in pericolo, dopo che tanti imprenditori hanno compiuto investimenti e sacrifici. Bisogna evitare la svendita delle nostre spiagge a grandi gruppi turistici stranieri o finanziari che metterebbe a rischio migliaia di posti di lavoro su tutto il territorio abruzzese”, ha spiegato Zennaro.

“La Lega è tornata a ribadire la propria posizione in merito a quando sta accadendo al comparto. Con chiarezza e fermezza – ha aggiunto Casanova – Matteo Salvini, e ciascuno dei suoi rappresentanti istituzionali, non indietreggiano di un millimetro sul punto: la sentenza del Consiglio di Stato rischia di buttare sul lastrico migliaia di imprese e di creare il caos, per complessità del quadro e tempistiche proibitive. Col rischio, concreto, di una svendita drammatica alle grandi multinazionali.”

“Per parte mia, ai presidenti nazionali di SIB e FIBA, Tonino Capacchione e Maurizio Rustignoli, ho ribadito l’impegno di tutto la delegazione Lega Parlamento Europeo – Gruppo ID in Europa; così come vi è quello di ciascuno dei nostri parlamentari e amministratori. Sono lieto che all’appuntamento la Lega Abruzzo si sia presentata compatta con, tra gli altri, i consiglieri regionali De Renzis, d’Incecco e Bocchino, l’assessore alla Sanità Nicoletta Veri, l’assessore al Demanio Campitelli, l’onorevole Zennaro, il presidente del consiglio comunale di Pescara e l’intero gruppo consiliare, il vice coordinatore regionale della Lega-Abruzzo Massimiliano Foschi. Sul tema delle concessioni balneari la Lega parla un’unica voce e ha assunto l’impegno di difendere le nostre imprese e l’immenso patrimonio che solo noi abbiamo”, ha concluso Casanova.

Nel suo discorso al sit-in di Pescara, l’assessore Campitelli ha ricordato: “La Regione Abruzzo, come ha sempre fatto, dall’inizio della fastidiosa problematica ‘Bolkestein’ (direttiva dell’Unione Europea relativa ai servizi nel mercato europeocomune) utilizzerà ogni azione possibile ed impossibile per la salvaguardia del comparto balneare. Questo settore è costituito da circa 800 micro imprese a conduzione familiare che rappresentano la punta di diamante dell’economia e del turismo regionale. La salvaguardia delle concessioni attuali è un obbligo primario di tutela del sistema turistico balneare, dove grandi lavoratori con passione e sacrificio hanno contribuito in maniera decisiva allo sviluppo della costa, quindi e non può essere frainteso con la comune accezione di ‘protezione della lobby balneare'”.

Durante l’intervento ha anche ricordato l’attenzione sul tema del governo regionale e l’ultima iniziativa che il Governo centrale ha messo in campo: “La Regione Abruzzo ha sempre supportato i comuni per l’applicazione delle varie proroghe di durata delle concessioni emanate dal Governo, in ultimo l’iniziativa del Ministro Centinaio sulla riforma complessiva del sistema concessorio e l’estensione della durata di 15 anni”.

“Spero che questo nostro incontro possa stimolare l’attenzione del Governo centrale su questa importante tematica economica-sociale per ‘salvaguardare’ l’impegno, lavoro e sacrificio delle aziende balneari. Al fine di maturare un rapporto di proficua collaborazione per migliorare e potenziare l’habitat e il sistema turistico costiero”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: