OK DAL MINISTERO ALLA RETE OSPEDALIERA ABRUZZESE: CAMPITELLI, “OTTIMO RISULTATO DELLA GIUNTA”

13 Settembre 2023 11:55

Regione - Politica, Sanità




PESCARA – Il Comitato Livelli essenziali di assistenza del Ministero della Salute nella giornata di ieri ha trasmesso alla Regione il verbale di approvazione della rete ospedaliera dell’Abruzzo: la Regione ha un nuovo piano di riorganizzazione della rete ospedaliera. La nuova programmazione regionale prevede 2 Presìdi di Area Disagiata, sedi di Pronto Soccorso ad Atessa e Castel di Sangro; 4 ospedali con funzioni Hub per reti stroke, trauma maggiore, rete emergenze cardiologiche estese a Chieti, Pescara, Teramo e L’Aquila; 4 Ospedali di Primo Livello ad Avezzano, Sulmona, Lanciano e Vasto; 6 Ospedali di base a Ortona, Popoli, Penne, Atri, Giulianova e Sant’Omero; classificazione Presidi medici H24 di Tagliacozzo, Guardiagrele e Pescina in stabilimenti ospedalieri di Avezzano, L’Aquila e Chieti in cui ubicare i reparti specialistici





. “Il Ministero approva dunque la rete ospedaliera” dichiara l’Assessore Regionale Nicola Campitelli, “la conclusione dell’iter per l’approvazione della rete ospedaliera proposta dalla Regione Abruzzo è un passaggio storico per la nostra Regione, che mai aveva avuto questo strumento di pianificazione. L’ennesimo risultato raggiunto dalla Giunta Marsilio segnale di una buona, concreta e lungimirante amministrazione”. Il lavoro attento e concreto dell’attuale Giunta Regionale di centrodestra, in attuazione del DM 70/2015. Una rete che potrà essere modello per la revisione del Decreto ministeriale 70 per superare le criticità presenti nei rigidi parametri a favore delle piccole regioni, delle zone montane e delle aree interne.”

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©






    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale





    Commenti da Facebook

    RIPRODUZIONE RISERVATA
    Download in PDF©


      Ti potrebbe interessare:

      ARTICOLI PIÙ VISTI:


      Abruzzo Web