OPEN FIBER, LA FIBRA ARRIVA IN ALTRI CINQUE COMUNI DELL’AQUILANO E DEL PESCARESE

23 Febbraio 2021 17:35

L’AQUILA – Prosegue l’opera di Open Fiber per digitalizzare l’Abruzzo: dopo le grandi città finalmente anche gli abitanti dei piccoli borghi dell’Abruzzo potranno accedere a un servizio che permetterà loro di navigare in modalità FTTH (Fiber to the home) cioè con la fibra ottica che entrerà direttamente nelle case, negli uffici e nelle scuole.

Da pochi giorni nei piccoli borghi di Bisegna, Cansano e Rocca Pia nell’Aquilano e di Serramonacesca e Corvara nel Pescarese sono oltre 2200 le unità immobiliari connesse in banda ultra larga con tecnologia FTTH.

I piccoli comuni rientrano infatti nelle cosiddette “aree bianche” della Regione, oggetto dei bandi Infratel, società del Ministero dello Sviluppo Economico, all’interno del piano BUL (Banda Ultra Larga).

Si tratta di zone circoscritte e particolarmente isolate in cui altri operatori di rete hanno precedentemente dichiarato di non avere interesse a portare la fibra. In questi comuni Open Fiber ha costruito una rete lunga oltre 44 chilometri cercando, ove possibile, di usare infrastruttura esistente al fine di evitare disagi per i cittadini.




La nuova rete ultraveloce sarà di proprietà pubblica e verrà gestita in concessione da Open Fiber per 20 anni. In alcuni casi, in frazioni particolarmente isolate, è stata utilizzata la tecnologia l’FWA (Fixed Wireless Access) che garantisce prestazioni elevate.

Open Fiber è un operatore wholesale only: non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso. I clienti interessati non dovranno far altro che contattare un operatore (tra quelli presenti sul sito www.openfiber.it) scegliere il piano tariffario e navigare a una velocità impossibile da raggiungere con le attuali reti in rame o miste fibra-rame. Quando l’utente ne farà richiesta, l’operatore selezionato contatterà Open Fiber, che a quel punto fisserà un appuntamento con il cliente, con l’obiettivo di portare la fibra ottica dal pozzetto stradale fin dentro l’abitazione. Al termine dell’operazione, l’utente sarà pronto a navigare alla velocità di 1 Gigabit al secondo, e beneficiare di servizi come lo streaming online in HD e 4k, il telelavoro, la telemedicina, e di tante altre opportunità generate dalla rete FTTH costruita da Open Fiber, che abilita una vera rivoluzione digitale.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©



ARTICOLI PER APPROFONDIRE:


    Ti potrebbe interessare:

    Gli articoli più letti in queste ore:

    Do NOT follow this link or you will be banned from the site!