OSPEDALE DI TERAMO: PETIZIONE M5S PER FARLO RIMANERE A VILLA MOSCA

11 Ottobre 2019 09:32

TERAMO- “La ASL di Teramo ha definitivamente bocciato il project financing proposto dalla Ditta Pizzarotti. Ciò conferma tutti i dubbi che il Movimento 5 Stelle aveva avanzato su questa proposta nonostante non siano stati forniti gli atti del progetto.”

Lo dichiara il deputato Fabio Berardini, del Movimento 5 Stelle,  che per il 26 e 27 ottobre lancia una raccolta firme,per chiedere che l’ospedale rimanga a Villa Mosca e che venga realizzato dal pubblico, in quanto “è ora che i cittadini esprimano il loro pensiero e auspichiamo che il Sindaco Gianguido D’Alberto accolga con favore e supporti questa iniziativa.




“Non possiamo permettere che la città venga derubata di un’altra struttura fondamentale che lascerebbe un ennesimo vuoto urbanistico per decenni (come è capitato con l’ex manicomio). Per non parlare poi del danno economico che si abbatterebbe su tutti i quartieri limitrofi” continua Berardini. Il Movimento ha una posizione chiara: l’ospedale deve essere costruito dal pubblico (non da un privato che lucra sulla sanità) e deve rimanere a Villa Mosca. Le soluzioni sono molteplici: ristrutturazione/ampliamento del Mazzini o demolizione e ricostruzione dell’esistente. La zona di Villa Mosca, infatti, possiede un’enorme estensione ed è assurdo pensare di costruire altrove, fuori dalla Città. A tutti coloro che affermano che i soldi a disposizione della regione Abruzzo non bastano è sufficiente ricordare che sarebbe possibile effettuare un mutuo con Cassa Depositi e Prestiti anziché fare accordi con il privato”.

“È necessario aggiungere, inoltre, che la ASL di Teramo ha già dovuto spendere 500.000 euro (di soldi destinati alla sanità di tutti i teramani) per sanare il pasticcio combinato tramite il project financing del parcheggio dell’ospedale. Questo la dice lunga sulla gestione dei project financing”, conclude Bernardini. 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: