OSPEDALE L’AQUILA, DE SANTIS: “DA PEZZOPANE E PD MENZOGNE, I DISASTRI SONO QUELLI LASCIATI DA LORO”

1 Marzo 2022 15:43

L'Aquila: Politica

L’AQUILA – “I disastri all’interno dell’ospedale ‘San Salvatore’ sono quelli lasciati in eredità dai governi amici della Pezzopane”.

Lo scrive in una nota il capogruppo della Lega in Consiglio comunale all’Aquila Francesco De Santis che risponde alle critiche di Stefania Pezzopane, deputata Pd e candidata a sindaco alle prossime amministrative del capoluogo regionale.

“Noi, dagli elettori, abbiamo ricevuto il preciso mandato di mettere a posto l’imbarazzante situazione interna all’azienda sanitaria locale dovuta alla gestione ‘distratta’ dei manager nominati dal centrosinistra della Pezzopane. Manager che hanno trasformato l’Ospedale in una ‘barzelletta’, una sorta di club esclusivo per gli amici del partito”.

“Non accettiamo morali da nessuno, specialmente se mettiamo a confronto il vuoto immobilismo del PD sul nosocomio aquilano con l’azione amministrativa dell’assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì, che da subito si è attivata per colmare quanto non fatto e non programmato in precedenza – continua sottolineando – Grazie all’intervento imponente della Lega e del centrodestra al Governo siamo riusciti a gestire magistralmente la fase più dura della pandemia Covid19. Sono stati attivati nuovi concorsi e nuove procedure di stabilizzazione per il personale. Per non parlare del nuovo parcheggio in corso d’opera, dei nuovi spazi del Delta 7 che la città attendeva da dieci anni, delle riorganizzazioni interne sospese da anni”.

E ancora: “A differenza di quanto avveniva con la precedente amministrazione di centrosinistra, uno dei primi obiettivi colti dall’assessore della Lega Verì è stato quello di assegnare in modo chiaro il fondo regionale tenendo conto della popolazione e delle aree geografiche. I valori assegnati alle Asl abruzzesi, e in particolar modo a quella aquilana, sono ben diversi dai numeri riportati con malizia  dalla senatrice Pezzopane”, conclude De Santis.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: