“OVIDIO LE METAMORFOSI”: IL VOLUME A CURA DI GUIDO PADUANO

10 Maggio 2023 16:49

L'Aquila - Cultura, Gallerie Fotografiche

SULMONA – Un’opera di ben 1.472 pagine contenute in due volumi con una novità su tutte: il ricchissimo apparato iconografico che accompagna i versi offrendo un percorso di storia dell’arte dal Medioevo al Novecento. Ecco allora, che nelle tavole fuori testo sfilano dipinti e sculture di grandi artisti del passato, Tiziano, Rubens, Velasquez, oppure di personalità più vicine a noi se non addirittura contemporanee come Rodin, Turner, Picasso e Giulio Paolini.

La Fondazione Carispaq ha presentato questa mattina a Sulmona, in un teatro comunale gremito di studenti, il volume “Ovidio Le Metamorfosi” a cura di Guido Paduano per le edizioni Einaudi.





Questa nuova edizione del capolavoro di Ovidio si caratterizza per la traduzione di Guido Paduano, che riprende, con ulteriori miglioramenti, quella uscita nel 2000 nella “Pléiade” einaudiana, già considerata di assoluta eccellenza. Paduano ha poi scritto per l’occasione un saggio introduttivo che approfondisce il rapporto tra metamorfosi e morte e analizza le varie tipologie di trasformazione raccontate da Ovidio.

Le Metamorfosi sono state il più importante bacino di ispirazione per tutta l’arte profana, così come la Bibbia lo è stata per l’arte sacra. Si può dire che il Poema di Ovidio è stato la Bibbia dell’arte profana, soprattutto nel Rinascimento e nel periodo barocco.

“Siamo molto orgogliosi – dichiara in una nota Domenico Taglieri, presidente della Fondazione Carispaq – di aver presentato questa importante opera qui a Sulmona, patria di Ovidio. Una nuova traduzione che è al tempo stesso unica nel suo genere e che arricchisce il patrimonio culturale del nostro territorio e della nostra Comunità. Con questo lavoro il professor Padano ci ripropone, rendendolo così attualissimo, tutto il fascino dei miti e delle trasformazioni che fanno delle Metamorfosi un’opera modernissima. Una modernità che abbiamo voluto ribadire con la presenza, oggi, a Sulmona di tanti giovani provenienti dalle scuole di tutto il territorio aquilano”.





Alla presentazione dell’opera Ovidio le Metamorfosi, organizzata dalla Fondazione Carispaq in collaborazione con Einaudi Editori e l’associazione Casa delle Culture, era presente Guido Paduano che ha dialogato coni  giovani presenti ai quali ha detto che il poema di Ovidio è semplicemente  “… è una cosa bella e vicina a noi; per questo consiglio di leggerlo tutto, perché esso ha una penso come unità”.

“È un’edizione che mette insieme tanti saperi – dichiara Mauro Bersani, direttore della collana dedicata alla poesia di Einaudi – a partire dalla capacità altissima di traduzione del professor Paduano. Ma c’è anche per la prima volta un percorso iconografico a cui abbiamo voluto dare importanza perché Le Metamorfosi è un’opera a cui gli artisti hanno attinto molto in ogni periodo; è una sorta di Bibbia profana: Per questo abbiamo proposto le immagini di opera di autori conosciuti ma anche meno noti, ed anche autori di oggetti di arte applicata perché proprio questi ultimi ci fanno capire come il poema di Ovidio era entrato anche nella cultura della quotidianità”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: