PARCHEGGI L’AQUILA: IL PASSO POSSIBILE, “IMBARAZZANTE CHE LEGA CHIEDA SOLUZIONI CON SUOI ASSESSORI”

22 Febbraio 2024 15:11

L'Aquila - Politica

L’AQUILA – “Apprendiamo dalla stampa la creazione di un autonomo (?) gruppo di lavoro di rappresentanti della Lega che si starebbe adoperando per ‘risolvere il problema dei parcheggi nel centro storico dell’Aquila che non può essere più rinviato, va affrontato immediatamente a causa delle gravi ripercussioni che sta avendo sui commercianti e sugli stessi cittadini’, a detta loro ormai ‘un’emergenza’, e di cui farebbero parte, tra gli altri, niente di meno che l’attuale assessore alla Viabilità e parcheggi Laura Cucchiarella, Carla Mannetti che ricoprì il medesimo ruolo dal 2017 al 2022 prima del ‘cambio di casacca’, oltre a Daniele Ferella e Francesco De Santis che si sono succeduti come assessori all’Urbanistica nella I e II Giunta Biondi”.

Lo scrivono in una nota i consiglieri al Comune dell’Aquila de “Il Passo possibile” Elia Serpetti, Emanuela Iorio, Massimo Scimia e Alessandro Tomassoni.





“Neanche sotto elezioni, in cui si sente di tutto e di più, pensavamo si potesse arrivare a questo assurdo controsenso – osservano – un gruppo politico che, di fatto, sfiducia il proprio operato negli anni, in primis della sua stessa assessora, nell’esatto momento in cui, chiedendo al sindaco di trovare (lui!?) soluzioni ai problemi sulla viabilità e mancanza di parcheggi in città, ammette come la propria rappresentante non sia riuscita a risolverli, e ne prendiamo atto perché è vero. Sulla carenza di parcheggi in centro storico ci chiediamo dove fosse la Lega quando il proprio assessore recentemente ha deciso sia di eliminare la fruibilità di quelli lungo la strada che unisce Via Sturzo e Via Corridoni, zona del Cristo Re, con veementi proteste di residenti e operatori commerciali; come pure quando si è istituito lo stop alla sosta auto e misure analoghe in gran parte di Piazza Santa Margherita (Piazzetta dei Gesuiti), con i cantieri attivi in Piazza Duomo e Piazza Chiarino e altri che arriveranno in Piazza Palazzo, chiudendo e limitando con troppa facilità e senza prevedere aree di sosta alternative; o allorquando, dalla notte al giorno, si decise di non rendere utilizzabili per tre mesi (!) ben 32 posti auto (tre ad uso disabili e un parcheggio rosa) in Viale Rendina, e in quel caso neanche un’interrogazione de Il Passo possibile tornò utile ad avere risposte e scongiurare di portare avanti una decisione illogica”.

“In centro storico – aggiungono -, già alle prese con l’impossibilità di avere un’opzione per sostare, o si sopprimono i pochi parcheggi utili a ridosso, perciò indispensabili per tutti o si decide, come accaduto pochi giorni fa, di interdirne l’ingresso da corso Federico II, vietandone dall’oggi al domani l’accesso e delimitando la zona interessata con un buon nastro segnaletico da ferramenta e così penalizzando oltremodo chi ha interesse e necessità ad andarci (cittadini, residenti e non, commercianti e loro utenti, turisti …). Una Lega che si scaglia persino contro il parcheggio di Porta Leoni, ritenendolo improvvisamente (e giustamente!) esoso a due euro l’ora, ma soltanto adesso e non quando, pur dinanzi alle richieste di del nostro gruppo consiliare e dell’intera minoranza di rivedere la tariffa oraria, hanno preferito il silenzio, avallandone dopo la costosissima realizzazione anche una fruibilità ad appannaggio di pochi utenti che se ne servono a prezzi inaccessibili rispetto alle esigenze dei più di sostarci più a lungo”.





“Stessa mancanza di tatto e uguali proteste per diverse scelte discutibili della stessa assessora sulla gestione della viabilità: quando è stata ristretta la carreggiata di Via XX settembre per 50 metri ciò provocando, con ben 3 semafori mobili, la paralisi per alcuni kilometri di una delle arterie principali cittadine, a tutt’oggi; come pure su Via Garibaldi, dove, dopo aver tolto gli stalli di carico e scarico delocalizzandoli alla Fontana Luminosa e intervenendo con varie e continue modifiche alla viabilità della zona, fino a impedirne l’accesso a salvaguardia di un tratto della nuova pavimentazione, moltissimi sono i disagi per residenti e commercianti, questi ultimi ormai isolati dall’asse centrale. Ipocritamente compartecipi di una politica volta a scoraggiare e impedire agli aquilani, ognuno per i propri interessi e necessità, di raggiungere e vivere il centro storico privandolo dei servizi essenziali, la Lega di questa Amministrazione è (ancora) parte attiva, suo malgrado, e con più di un ruolo in Giunta, e a poco serve, per ottenere qualche consenso in più in tempi di campagna elettorale, ‘costi quel che costi’, deresponsabilizzarsi e ‘giocare a nascondino’ sulla pelle dei cittadini”.

“Di certo chiedere al sindaco di sostituirsi ai propri rappresentanti in Giunta per risolvere i problemi di loro stessa competenza è lo prova ulteriore di quanto la tenuta dei rapporti all’interno del centro-destra regionale e cittadino sia come una polveriera pronta ad esplodere, un’aria da resa dei conti che sembra ormai inevitabile dopo le elezioni del 10 marzo”, concludono.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: