PARCO GRAN SASSO: RACCOLTA FUNGHI E TARTUFI, “CON NUOVO REGOLAMENTO INDIETRO DI 30 ANNI”

29 Settembre 2020 18:37

L’AQUILA – “Ancora vincoli e divieti nella nuova bozza di regolamento nel Parco del Gran Sasso e Monti della Laga, tra cui il divieto della cerca dei tartufi e la raccolta di funghi”.

Lo scrive, in una nota, il presidente dell’Associazione Tartufai Vestini Gianni De Fabritiis, che spiega: “I tartufi sono funghi ipogei, ovvero crescono sottoterra, nel terreno accanto alle radici di alcuni alberi, in particolare querce, ma in questo periodo autunnale crescono anche nelle faggete, con i quali stabiliscono un rapporto simbiotico, TuberuncinatumChatin. Il Tartufo Nero Uncinato o Scorzone Invernale (TuberUncinatumChatin) è molto simile al Tartufo estivo, tanto da essere considerato da molti studiosi una sua variante”.

“La scorza (peridio) è costituita da grosse verruche prive di striature trasversali, con la caratteristica forma ad uncino; una volta giunto a completa maturazione, la polpa (gleba) raggiunge una colorazione cioccolato più o meno intensa. Il suo profumo è intenso ed aromatico, mentre il sapore è avvolgente, in grado di spiccare su ogni portata. Quest’antica tradizione della raccolta del tartufo appartiene agli uomini e va praticata correttamente, in modo da non mettere a rischio la conservazione di questo patrimonio naturale unico al mondo”.





Ma, aggiunge, “con la nuova bozza di regolamento si persevera a una visione della protezione solo negativa, fondata su divieti e vincoli, perdendo completamente di vista sia i caratteri ‘naturalistici-scientifici’ sia quelli ‘culturali-educativi e ricreativi’. Dovrebbe partire La terza stagione, che concretizza la sfida del prossimo futuro, e che mira a declinare in maniera nuova il concetto di valorizzazione, incentrata su due prospettive economiche, sociali e culturali emergenti: green economy e beni comuni”.

“Con questo nuovo regolamento torniamo indietro di 30 anni – conclude – che i parchi non siano solo na siano una palla al piede dell’ Abruzzo”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!