PARCO SIRENTE: ALTRE RAZZIE DELL’ORSO, RIUNIONE IN PREFETTURA, AIDAA, “CAPITA, SPIACE PER GALLINE”

31 Marzo 2024 14:43

L'Aquila - Cronaca

L’AQUILA –  Ancora incursioni dell’orso nella media valle dell’Aterno, e nel territorio del Parco regionale Sirente Velino. Dopo le razzie nei pollai, il plantigrado ha distrutto arnie per il miele nel comune di Tione degli Abruzzi, frazione Goriano Valli, e nel comune di Fagnano Alto.





Da quanto si apprende, dopo pasqua, forse giovedì prossimo, ci sarà un incontro in Prefettura dell’Aquila, a cui prenderà parte il presidente del Parco Regionale Sirente Velino, e sindaco di Fagnano Alto, Francesco D’Amore, e i sindaci del territorio, alla luce della crescente preoccupazione dei residenti.

Abruzzoweb aveva raccolto a questo proposito lo sfogo di Angelo Benedetti, ex sindaco civico di centrodestra di Fontecchio, in provincia dell’Aquila e nel Parco regionale Sirente Velino, il cui pollaio è stato nei giorni scorsi razziato dall’orso.





Si registra oggi la presa di posizione, sull’episodio, dell’associazione animalista Aidaa. “Gli orsi in questo periodo escono dal letargo ed hanno fame, a farne le spese questa volta una decina di povere galline del pollaio dell’ex sindaco di centro destra di Fontecchio che subito ha colto l’occasione per puntare il dito contro gli animali protetti definiti in sovrannumero e cercare di creare un caso politico sulla pelle dell’orso affamato e delle sue povere galline”, si legge nella nota.

“Non vogliamo entrare nelle beghe politiche locali ma giù le mani dagli orsi ed anche dalle galline – scrivono gli animalisti di Aidaa – gli orsi stanno uscendo dal letargo e qualche incidente simile può capitare certo ci dispiace per le galline dell’ex sindaco ma crediamo anche che sia il caso di circoscrivere il caso evitando cosi di importare anche in Abruzzo il metodo Fugatti di cui certi esponenti politici sembrano quali averne nostalgia. Teniamo gli occhi aperti perché il rischio è grande”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: