PASQUA ”NO VEGAN”: 80% ITALIANI RESISTONO A TRADIZIONE, AGNELLO SU UNA TAVOLA SU 3

13 Aprile 2020 16:02

ROMA – Carne, salumi, uova e formaggi. Per i pranzi delle feste l'80% degli italiani rispetterà la tradizione, mentre solo il 2% sceglierà un menu vegano o vegetariano. Tuttavia la portata più attesa in una tavola su tre, sia per Pasqua che per Pasquetta, è stata certamente l'agnello.

È quanto emerge dall'indagine Coldiretti/Ixè sulla Pasqua degli italiani al tempo del coronavirus che rivela come siano comunque pochi – sottolinea la Coldiretti – gli italiani che restano a dieta e scelgono un menu light ipocalorico (15%).

La Pasqua “no vegan”, spiega la Coldiretti, sarà comunque caratterizzata dall'ampio uso di ricette e prodotti tipici come i salumi, dalla corallina laziale alla finocchiona toscana, dalla soppressata calabrese al salame napoletano, ingrediente immancabile del Casatiello e poi le uova ruspanti, quasi 400 milioni consumate in questi giorni e i formaggi a partire dal pecorino.






“Da nord a sud si riscoprono a tavola le ricette che caratterizzano le diverse aree del Paese come per esempio gli gnocchi filanti in Piemonte, la minestra di brodo di gallina e uovo sodo e le pappardelle al ragù di coniglio in Toscana ma anche la corallina, salame tipico accompagnata dalla pizza al formaggio mangiata a colazione in tutto il Lazio”.

Ma è certamente l'agnello, sostiene Coldiretti, “la portata più attesa, presente in una tavola su tre (35%), con la preferenza a scegliere italiano magari direttamente acquistato dal produttore. Una decisione – sottolinea la Coldiretti – motivata dalla necessità di garantirsi personalmente della provenienza in una situazione in cui la maggioranza dell'offerta viene dall'estero e soprattutto da Romania e Grecia che non assicurano gli stessi standard qualitativi”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: