PECULATO E FUGA NOTIZIE: ARRESTATI LUOGOTENENTE E MARESCIALLO CARABINIERI DI SAN SALVO

5 Ottobre 2019 22:24

VASTO – Sono il luogotenente della stazione di San Salvo, Antonello Carnevale, e il maresciallo Giuseppe Mancino i carabinieri arrestati ieri mattina a seguito di un'inchiesta coordinata dalla Dda dell'Aquila.

Oltre ai due arrestati, altre quattro persone sono state indagate a vario titolo nell'ordinanza di misura cautelare firmata dal gip Guendalina Buccella del Tribunale dell'Aquila.

L'inchiesta è incentrata sulla condotta dei carabinieri, finiti ai domiciliari, indagati per reati vari quali peculato in concorso tra loro, accesso abusivo del sistema informatico telematico, rivelazione del segreto istruttorio e detenzione illegale di munizioni.

Nell'ordinanza si apprende che a uno dei due militari viene contestato il fatto di aver ricevuto e trattenuto delle banconote false da utilizzare come “provino” nell'ambito di un'indagine nei confronti di un pregiudicato del luogo e al suo collega di aver utilizzato il sistema informatico investigativo delle forze di polizia su richiesta di due amici per controllare la targa di un'autovettura e per l'accesso alla banca dati.

Il sostituto procuratore Roberta D'Avolio contesta inoltre che uno dei due avrebbe rivelato a un professionista il contenuto di alcune intercettazioni relative a un procedimento penale in corso presso la Procura della Repubblica di Vasto oltre a detenere illegalmente munizioni da guerra occultate nelle pertinenze della propria abitazione.

I due militari sono difesi dagli avvocati Alessandro Orlando e Fiorenzo Cieri del foro di Vasto.

Insieme ai due carabinieri c'è anche un avvocato, sempre di San Salvo, indagato.

Le ipotesi di reato sarebbero peculato, divulgazione di segreto istruttorio e accesso abusivo al sistema informatico.

E' quest'ultimo reato che per competenza ha fatto intervenire la Dda aquilana.

L'inchiesta è nata in provincia di Chieti e poi è stata traferita all'Aquila.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: