PERDONANZA: DE AMICIS, “L’AQUILA VEICOLA MESSAGGI DI PACE E FUTURO”

29 Agosto 2022 14:21

L'Aquila - Cronaca, Perdonanza 2022

L’AQUILA – Non è mai facile salire sul palco di Papa Francesco – allestito davanti alla basilica di Collemaggio – e dirigere coro e strumenti che hanno animato la Santa Messa che ha preceduto l’apertura della Porta Santa. Un’emozione e una responsabilità per Leonardo De Amicis, direttore artistico della Perdonanza Celestiniana per la quinta volta consecutiva.

“L’Aquila torna a vivere – ha sottolineato – l’affluenza in città, non soltanto da parte di turisti, mostra la grande partecipazione agli eventi e credo che questo sia un risultato importante: aspettavamo da anni il sigillo di Papa Francesco, un riconoscimento mondiale da parte di questa straordinaria presenza”.





“Essere sul palco accanto all’altare del Pontefice – ha aggiunto – è stata una grande emozione. L’emozione c’è sempre, in realtà, ma stavolta sentivo anche una grande responsabilità di fronte a questo momento storico e ho cercato di viverla bene”.

Negli ultimi anni, De Amicis è stato protagonista di tanti importanti appuntamenti culturali in città.

“Sono stato incaricato – ha ricordato – attraverso i Cantieri dell’Immaginario e la Perdonanza di portare avanti progetti volti a incentivare quella cultura necessaria a ristrutturare gli animi. La cultura ci fa pensare. Il pensiero ci porta a ragionare, ripensarci e non fermarci mai. Importante, certo, ricostruire le macerie e quindi le cose fisiche, così come le persone. La musica lo fa benissimo”.





Domani, concluderà la sua quinta Perdonanza con un concerto di Claudio Baglioni dal titolo “Pace a noi”, scritto ad hoc per la città (ore 21.30, proprio sul prato di Collemaggio).

“Veicoliamo sul palco della Perdonanza dei messaggi – sottolinea – quest’anno abbiamo voluto trattare di futuro e di pace: cosa è del futuro se non c’è la pace? E, quindi, attraverso la musica veicoliamo dei concetti che rimandano almeno un po’ alle persone che assistono”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: