PERDONANZA: DOMANI IL VOLO ”PER L’AQUILA” AL TEATRO DEL PERDONO

25 Agosto 2019 13:35

L'AQUILA – Ancora una volta il Teatro del Perdono si illumina per uno degli appuntamenti artistici più attesi della Perdonanza: Il Volo per l’Aquila, in questo modo Gianluca, Ignazio e Piero il trio canoro di fama mondiale, portano in musica il loro personale legame con la città.

Uno spettacolo inedito e fortemente voluto, ideato e costruito come “dono” agli aquilani.

Solo pochi giorni fa Gianluca Ginoble, l’abruzzese doc, ha raccontato come questa serata è un omaggio a tutti quelli che hanno sofferto e ancora soffrono a causa del sisma, per tutte le persone che hanno perso affetti importanti.

Proprio con questo spirito sono stati scelti i brani che comporranno la scaletta dello spettacolo, fra questi annuncia Ginoble spicca l’Ave Maria Mater Misericordiae, eseguita anche per Papa Francesco.

Un inno all’amore e alla vita: “Ave Maria, canta l'anima mia come un'aquila nel vento, si affida e va. Vola”. Dunque, una serata magica quella che attende il pubblico della Perdonanza, lunedì 26 agosto.




Sul palco insieme al Volo, la Grande Orchestra Sinfonica dei Conservatori, composta da giovani talenti provenienti da tutti i conservatori d’Italia diretti dal maestro Leonardo De Amicis. Special guest il violinista Alessandro Quarta.

Nei prossimi giorni non mancheranno altri appuntamenti di grande spettacolo tra cultura, arte e musica: il 28 agosto il tradizionale Corteo Storico della Porta Santa e il giorno seguente l’imperdibile concerto finale che chiuderà la 725esima Perdonanza con Fiorella Mannoia, Luca Barbarossa, Paola Turci e Noemi.

Fiorella Mannoia, artista di grande sensibilità, torna in città a dieci anni dal suo storico concerto per essere vicina ancora una volta alle popolazioni colpite dal sisma.

Sul palco la sua band guidata da Carlo Di Francesco con l’Orchestra del Conservatorio dell’Aquila “A. Casella” diretta dal maestro Leonardo De Amicis.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©




Ti potrebbe interessare:

Gli articoli più letti in queste ore: