PESCARA: BLASIOLI, ‘SFRATTI SEMPRE FATTI, CAMBIA SOLO PROPAGANDA”

24 Ottobre 2019 16:05

PESCARA – “Gli sfratti degli abusivi dagli alloggi di edilizia pubblica si sono sempre compiuti a Pescara, l’unica cosa che è cambiata rispetto al passato è la propaganda. C’è da restare basiti rispetto alla strumentalizzazione che si sta facendo di operazioni a cui il Comune ha sempre partecipato e ha fornito supporto logistico, tecnico e anche sociale perché ad agire sono le forze dell’ordine, a cui è preposta l’esecuzione degli sfratti di inquilini abusivi dagli alloggi pubblici”.

Il consigliere Comunale del Partito democratico, Antonio Blasioli.






“Operazioni in tal senso si sono infatti susseguite anno per anno e l’amministrazione di centrosinistra le ha intensificate rendendo piena la sinergia con il comparto sicurezza della città – afferma Blasioli -: atti che vanno considerati non solo per riconoscere il valore del lavoro svolto, ma anche per non screditare l’operato di tutte le forze operative, in divisa e non, come se prima della nuova amministrazione fossero rimaste ferme e inerti. Gli alloggi sequestrati in questi anni in varie zone della città, da quelle calde del quartiere Rancitelli a quelle di Fontanelle e Zanni, erano ieri come oggi occupati da varia umanità: quella che delinque e che va perseguita, ma anche indigenti e persone alla ricerca di un tetto”.

“Una volta liberati sono stati tutti assegnati ai legittimi inquilini, alcuni dei quali aspettavano da oltre un decennio che la graduatoria di cui era parte producesse i suoi effetti, com’è accaduto ad esempio nel 2016, nel 2017, nel 2018. Ed è inoltre stata per tutti un’emozione forte la consegna attesa ai legittimi assegnatari: sia per gli agenti della Municipale che hanno effettuato l’operazione interforze sostenuta anche da Polizia, Carabinieri e in presenza di personale sanitario del 118, sia per i nuovi assegnatari che magari non ci speravano più”, conclude Blasioli.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!