PESCARA, BLOCCO STUDENTESCO RICORDA LA NASCITA DI GABRIELE D’ANNUNZIO

12 Marzo 2021 09:01

PESCARA – “D’Annunzio poeta armato d’Italia”, questo il testo dello striscione esposto nella notte dai militanti pescaresi del fulmine cerchiato.

“Riprendendo lo stesso spirito dannunziano – afferma Matteo Casasanta, responsabile locale del movimento – il Blocco studentesco vuole risvegliare l’animo votato all’azione della gioventù pescarese, riscoprendo proprio come D’Annunzio il disperato amore per l’Italia” .

“Vogliamo celebrare Gabriele D’Annunzio non solo per i natali pescaresi e la sua vita che fu una vera e propria opera d’arte – continua la nota – ma anche per ricordare ai giovani che oltre a chi sfregia i murales del Vate, come accaduto tempo fa, c’è una realtà come quella del Blocco Studentesco sempre pronta a combattere e osare al fianco degli studenti nelle piazze, nelle scuole, con lo stesso ardore che ha contraddistinto il Vate stesso”.

“Con l’azione di oggi – conclude Casasanta – invitiamo la gioventù tutta a riscoprire le sue radici e la sua eredità spirituale, citando il Vate: ‘Giovani di Pescara e d’Italia, il futuro è vostro e lo dovete costruire con le vostre mani per il bene delle generazioni a venire. Nulla è impossibile!'”

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Ti potrebbe interessare: