PESCARA: MASCI, ”UN ONORE AVERE LA BANDIERA VERDE SULLE NOSTRE SPIAGGE”

11 Febbraio 2020 15:09

PESCARA – “La Bandiera verde di cui la spiaggia di Pescara può fregiarsi è il riconoscimento autorevole alla qualità dell’offerta turistica, ma per l’Amministrazione Comunale rappresenta anche il viatico alla conquista dell’ambìta “Bandiera blu”.

A rendere noto l'ottenimento del riconoscimento il sindaco di Pescara, Carlo Masci.





“Sono stati i medici pediatri a includere Pescara tra le città  più meritevoli e più attente alle esigenze dei bambini – , – spiega Masci – fornendo spiagge e servizi all’altezza delle aspettative degli ospiti più piccoli e delle loro famiglie. L’indagine è stata condotta dagli specialisti che hanno tenuto ben presenti alcuni requisiti: acqua limpida e bassa vicino alla riva, sabbia utilizzabile dai bambini per costruire torri e castelli, bagnini e scialuppe di salvataggio a tutela della sicurezza, giochi e spazi ricreativi, spazi per cambiare il pannolino o allattare i più piccini, prossimità di parchi, gelaterie, strutture sportive, locali per l’aperitivo e ristoranti per i più grandi. E, naturalmente, anche la qualità complessiva delle acque di balneazione. La consegna delle bandiere avverrà durante una cerimonia in calendario il 27 giugno ad Alba Adriatica”.

“La “Bandiera verde” – conclude Masci – è una conferma della validità della via intrapresa da questa amministrazione. È notorio che tra i punti principali del programma di governo c’è quello di avere il riconoscimento della “Bandiera blu” che dovrà coronare i nostri sforzi per restituire ai pescaresi e ai turisti il mare dei tempi migliori, quello pulito e trasparente. Stiamo moltiplicando l’impegno per il risanamento, la cura e la conservazione di uno degli elementi più caratteristici della nostra città. Una sfida da vincere per tornare a essere attrattivi e competitivi anche sul mercato delle vacanze, ma soprattutto per avere una Pescara più bella e in cui è bello vivere”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!