PIANO PANDEMICO NON ATTUATO: PROCURA BERGAMO CONVOCA D’AMARIO COME PERSONA INFORMATA FATTI

14 Gennaio 2021 21:13

PESCARA – La Guardia di Finanza delegata dalla Procura di Bergamo è entrata al ministero della Salute per acquisire tutta la documentazione relativa al piano pandemico mai aggiornato fino a pochi giorni fa e fermo al 2006.

I finanzieri, riferisce Il Fatto quotidiano, sono andati anche all’Istituto superiore di sanità a Roma, e negli uffici dell’ex direttore della Prevenzione del ministero Claudio D’Amario, ora capodipartimento Salute della Regione Abruzzo, a Pescara e nella sede della Regione Lombardia e all’Asst di Bergamo. Il segretario generale del ministero Giuseppe Ruocco, assieme a D’Amario e altri dirigenti sono stati convocati per i prossimi giorni come persone informate sui fatti. Nessuno di loro, a scanso di equivoci, risulta indagato.

Il primo allarme dell’Organizzazione mondiale della sanità sulle polmoniti di origine sconosciuta in Cina risaliva al 5 gennaio. La Procura di Bergamo, anche sulla base delle denunce promosse dal comitato “Noi denunceremo” nella provincia più colpita dalla prima ondata, procede per epidemia colposa e falso e ha esteso i suoi accertamenti alla (presunta) mancata applicazione del piano pandemico antinfluenzale italiano risalente al 2006, mai aggiornato nonostante le indicazioni dell’Oms e del Parlamento europeo che richiedevano periodici aggiornamenti. Il problema del mancato aggiornamento emerge anche dalla bozza del nuovo piano pandemico circolata negli ultimi giorni.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: