A24, PILONI AUTOSTRADALI NEL DEGRADO TRA TORNIMPARTE E L’AQUILA: PROTESTE ED ESPOSTO

di Gianpiero Giancarli

25 Novembre 2023 12:12

L'Aquila - Cronaca

L’AQUILA – Ci sono dubbi di alcuni automobilisti e residenti sulle condizioni di alcuni piloni autostradali, in A24, nella zona di Vallemara, all’uscita del casello di Tornimparte (L’Aquila).

Nessuno, a scanso di equivoci, vuole parlare di allarme ma i piloni stanno perdendo il rivestimento di cemento ormai da anni e questo comporta il venir fuori dei supporti in ferro ben visibili a occhio nudo.





Di certo alcuni automobilisti hanno presentato un esposto alla polizia stradale e allo stesso Compartimento regionale di polstrada nel quale non si segnalano reati ma si chiedono delucidazioni sullo stato dei luoghi all’insegna di una maggiore tranquillità.

Questa situazione è stata probabilmente causata dall’uso di sale antighiaccio che ha fatto staccare il cemento. Molti automobilisti su facebook  stanno manifestando le loro perplessità chiedendo controlli, fermo restando che nessuno parla di piloni pericolanti.

La gestione delle autostrade abruzzesi, dopo la revoca a Strada dei Parchi e l’affidamento della concessione ad Anas, è oggetto di una controversia civile per la quale, secondo due sentenze del tribunale di Roma, il ministero deve risarcire con una provvisionale di mezzo miliardo la spa abruzzese che sarebbe stata estromessa dalla concessione ingiustamente. Ciò dopo due  verdetti dei tribunali di Teramo e L’Aquila che hanno smentito  seccamente le ipotesi che i viadotti fossero insicuri assolvendo i vertici della società della famiglia Toto.





Ora si lavora per un ipotetico riaffidamento della  concessione alla società abruzzese che comunque avanza  un indennizzo di ben oltre 2 miliardi.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale



    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale




    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Commenti da Facebook

    RIPRODUZIONE RISERVATA
    Download in PDF©


      Ti potrebbe interessare:

      ARTICOLI PIÙ VISTI:


      Abruzzo Web