PNRR: 462MILA EURO AL COMUNE DELL’AQUILA PER LA TRANSIZIONE DIGITALE

8 Settembre 2022 14:32

L'Aquila - Politica

L’AQUILA  – Per il Comune dell’Aquila, guidato dal sindaco Pierluigi Biondi, sono in arrivo circa 462mila euro, targati PNRR, dedicati alla digitalizzazione dell’ente attraverso la migrazione in cloud dei sistemi informativi comunali, l’adozione della app dei servizi pubblici IO e l’integrazione degli applicativi con SPID (Sistema pubblico di identità digitale) e CIE (Carta d’identità elettronica).

“Grazie alle ingenti risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per la transizione digitale, che siamo riusciti ad intercettare, sarà possibile realizzare una serie di obiettivi sfidanti sui quali costruire il municipio digitale della città dell’Aquila, in piena coerenza e in linea con le direttive nazionali ed europee” dichiarano il primo cittadino Pierluigi Biondi e l’assessore all’Informatizzazione e innovazione tecnologica, Ersilia Lancia.

“Il Servizio coordinamento informatico e transizione digitale del nostro Comune, in collaborazione con la società partecipata SED SpA, ha presentato a maggio i progetti a valere sul “Piano della Pubblica Amministrazione digitale 2026” del Ministero per la Transizione digitale e oggi – annunciano Biondi e  Lancia – sono stati emessi i primi 3 decreti di finanziamento da parte della Presidenza del Consiglio dei ministri: 412 mila euro circa per la migrazione in cloud, 14mila euro per Spid e 36mila euro per l’app IO. Siamo in attesa di ulteriori finanziamenti per ampliare i pagamenti elettronici su PagoPA e i servizi digitali al cittadino”.

“Con questi finanziamenti il Comune accelera e finalizza il processo di digitalizzazione, già intrapreso nello scorso mandato, con l’obiettivo di migliorare i rapporti tra i cittadini e l’amministrazione comunale attraverso interfacce sempre più intuitive, fruibili e alla portata di tutti per creare le condizioni per una società più smart e più accessibile” concludono il sindaco Biondi e l’assessore Lancia.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: