PNRR, AL VIA MONITORAGGIO CABINA DI REGIA: “SPENDERE BENE OGNI EURO, NON SPRECARE OCCASIONE”

8 Novembre 2022 19:22

Italia - Cronaca

ROMA – “Un’ occasione per l’Italia e non va sprecata: ogni euro va speso bene e deve essere utile per sostenere la crescita economica, lo sviluppo e l’ammodernamento della nazione”.

Il presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha riassunto così le motivazioni della convocazione della cabina di regia sul Pnrr aggiungendo: “Il precedente governo l’ha convocata solo due volte, noi intendiamo immaginare una convocazione periodica, per monitorare costantemente lo stato di attuazione.

La Cabina di regia sul Pnrr – informa Palazzo Chigi – sarà coordinata dal ministro per gli Affari europei, la coesione territoriale e il Pnrr, Raffaele Fitto.





La prossima settimana saranno previste sedute bilaterali con le singole amministrazioni per monitorare lo stato di attuazione di tutti gli obiettivi ancora da raggiungere entro il 31 dicembre.

Nel corso della riunione – si informa ancora – è stata inoltre data comunicazione dell’accredito di 21 miliardi di euro della seconda rata prevista a seguito della verifica degli adempimenti al 30 giugno 2022. L’obiettivo espresso da tutti è quello di rispettare i tempi previsti ed a utilizzare al meglio tutte le risorse.

L’incontro ha visto anche la partecipazione di rappresentanti di Regioni, Upi e Anci, nel segno della cooperazione istituzionale ribadita dal governo con le autonomie territoriali.

Una strategia apprezzata dai Comuni:  “Bene la cabina di regia sul PNRR, ora interveniamo sulle criticità e facciamo partire i cantieri nei Comuni”, ha riferito il presidente dell’Anci Antonio Decaro intervenendo oggi.





“Ringraziamo per questa convocazione, per noi è importante fare il punto perché i progetti dei Comuni sono parte decisiva dell’intero PNRR. Si tratta di opere – ha aggiunto il presidente Anci e sindaco di Bari – per 40 miliardi di euro che sono stati praticamente tutti già assegnati e che arrivano ai Comuni perché le linee guida stabilite dalla Commissione europea ricalcano in gran parte le nostre competenze sul territorio”.

“Fin qui – ha detto Decaro – è stato compiuto un grande sforzo progettuale, grazie alla collaborazione con i ministeri e con le Regioni, ora è il momento di passare alla fase esecutiva e ci sono alcune criticità da risolvere. La prima criticità riguarda l’estensione ai prossimi anni dello strumento che è stato individuato per fronteggiare l’aumento dei costi delle materie prime: l’apposito Fondo va rifinanziato e vanno confermate le procedure semplificate di accesso che sono state previste per i Comuni. In secondo luogo, bisogna ulteriormente semplificare e sveltire le pratiche di autorizzazione e nulla-osta necessarie ad aprire i cantieri, soprattutto in ambito paesaggistico e ambientale”.

La terza questione urgente, ha concluso il presidente dell’Anci , “riguarda le procedure di attuazione: bisogna rendere più semplice e scorrevole il canale tra Comuni e ministeri per quanto riguarda le convenzioni, la definizione delle scadenze da rispettare, le modalità di monitoraggio e di rendicontazione. La gestione dell’attuazione da parte dei diversi ministeri titolari delle risorse spesso non è omogenea e noi pensiamo che invece tutto debba seguire delle procedure standard semplificate, anche per garantire che le scadenze nazionali siano compatibili coi tempi di affidamento dei lavori”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: