POLIZIA DI STATO: ESTRADATO IN ITALIA RAPINATORE ALBANESE

13 Agosto 2020 14:43

L'AQUILA – Nella giornata di ieri, 12 agosto, X.A., 27enne cittadino albanese, è giunto, in stato di arresto, presso l’aeroporto di Roma Fiumicino, accompagnato dal personale del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale.

L’uomo è stato estradato dall’Albania poiché, nei suoi confronti, è da eseguirsi un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa nell’anno 2013 dal GIP del Tribunale di L’Aquila, a seguito delle indagini esperite dalla Squadra Mobile, per i delitti di rapina e lesioni.

In particolare, nel febbraio del 2013, a L’Aquila, una donna, immediatamente dopo aver prelevato del denaro presso uno sportello bancomat, veniva afferrata per i capelli, gettata a terra e colpita con calci da un giovane, allo scopo di sottrarle il portafogli, il quale, dopo essersi impossessato del bottino, si era dato alla fuga.





Le immediate indagini degli investigatori della Squadra Mobile, condotte attraverso l’analisi delle immagini del sistema di videosorveglianza della banca e dei tabulati telefonici, avevano consentito di individuare l’autore della rapina in X.A., di nazionalità albanese, e di ottenere nei suoi confronti l’emissione della misura cautelare in carcere.

Lo stesso era riuscito a far perdere le proprie tracce, ma gli accertamenti e le indagini svolte a livello internazionale hanno oggi consentito di individuare ed ottenere l’estradizione di del giovane che ieri ha fatto ingresso nel carcere di Velletri, dove permarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria aquilana.

Il Questore di L’Aquila, Gennaro Capoluongo, oltre ad esprimere apprezzamento per le investigazioni svolte dal personale della Squadra Mobile, ha voluto, ancora una volta, sottolineare l’efficacia e l’importanza della cooperazione internazionale tra le Forze di Polizia.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!