PONTE 25 APRILE, 9 MILIONI DI ITALIANI IN VIAGGIO:
MALTEMPO NON SCORAGGIA TURISTI

21 Aprile 2022 21:40

Italia: AbruzzoWeb Turismo

ROMA – Cicloni, vento e piogge: per il Ponte del 25 aprile al momento sono previsti 4 giorni di maltempo sull’Italia, ma questo non sta scoraggiando gli italiani pronti a partire per una mini vacanza di primavera.

Anche perché a molti non è sfuggito che il primo maggio cade di domenica quest’anno e quindi non sarà possibile organizzare altri mini break.

Secondo un’indagine di Federalberghi saranno circa 9 milioni e 298 mila gli italiani in viaggio per il 25 aprile: il 91,7% resterà in Italia, mentre l’8,3% sceglierà una località estera.

Le mete preferite per i viaggiatori che resteranno in Italia saranno le località d’arte (31,0%), il mare (22,6%), la montagna (19,8%).

All’estero “vincono” le grandi capitali europee (67,3%) seguite dal mare (16,4%). L’alloggio preferito sarà l’albergo (34,1%); segue la casa di parenti e amici con un 22,5%, i bed & breakfast (15,9%) e le case di proprietà (12,4%). Il giro di affari sarà di 4,33 miliardi.

“A giudicare dai nostri dati – dice il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – siamo felici di poter constatare che i milioni di italiani partiti per le festività di Pasqua non sono stati un abbaglio. Non è episodica in sostanza la scelta di viaggiare, si torna invece a programmare una vacanza a stretto giro anche in occasione del Ponte del 25 aprile, che quest’anno il calendario fa cadere per una fortunata congiuntura nella giornata di lunedì”.

E aggiunge: “Voglio ricordare che in occasione del Ponte pasquale una città come Venezia ha registrato la presenza di 130 mila visitatori al giorno. Con la festa della Liberazione altre città d’arte avranno il loro riscatto. Io credo che ci si debba emozionare di fronte ad una situazione che fino a poco tempo fa, a causa della pandemia, sembrava irraggiungibile”.

“La speranza per noi – conclude il presidente degli albergatori italiani – è che si possa ridurre drasticamente la percentuale di nostri concittadini che non andranno in vacanza per motivi economici (39,9%). La vacanza deve tornare ad essere accessibile a tutti”.

Molto apprezzati anche agli agriturismi con il ritorno alle scampagnate dopo due anni di primavere segnate dal Covid e dalle necessarie misure di restrizione per la pandemia: secondo la Coldiretti saranno trecentomila gli italiani che sceglieranno una delle 25 mila strutture agrituristiche presenti in Italia che è leader mondiale nel turismo rurale. Dal canto suo l’Unione Nazionale Consumatori segnala i rincari:

“Già lo scorso mese le tariffe degli alberghi – dice il presidente Massimiliano Dona – sono già salite rispetto allo scorso anno del 9,7%, collocando gli alberghi al secondo posto dei rialzi legati alle vacanze. Capiamo che il caro bollette di luce e gas abbia inciso anche sulle strutture alberghiere, ma se ci si rifà con gli interessi sui clienti andiamo male! Anche perché tutti i prezzi legati alle vacanze sono già aumentati”.

Tornando al maltempo Andrea Garbinato de iLMeteo.it prevede un calo termico.

Domani la pioggia cadrà diffusa anche al Nord-Est e si estenderà dalle Alpi ai Peloritani, in particolare fino al pomeriggio mentre poi potrebbe esserci una breve tregua. Un secondo fronte perturbato è previsto per sabato pomeriggio con temporali forti e un ulteriore calo termico: questa perturbazione colpirà il Nord e la fascia centrale tra Toscana e Marche ma, a Sud di una linea immaginaria, avremo sole e temperature più miti. Sempre a Sud di questa linea geografica, per il Ponte del 25 aprile potremo vedere il sole con temperature gradevoli, sopra questa linea il weekend lungo potrebbe richiedere ombrello e cappottino.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: