PORNO SU INTERNET, LE DONNE LO ‘USANO’ COME GLI UOMINI

16 Agosto 2014 16:53

DUISBURG – Non solo gli uomini. Che anche le donne potessero sviluppare una qualche forma di dipendenza dalla pornografia era noto.

E oggi la casa della pornografia è sostanzialmente il web. Ora uno studio firmato dalla Duisburg-Essen University, in Germania, si lancia oltre. Raccontando come la fruizione pesante di materiale pornografico online potrebbe addirittura rendere alcune donne ipersessuali, spingendole cioè a impiegare molto tempo in fantasticherie erotiche. E non solo.

Questo genere di disturbo della personalità, secondo gli scienziati tedeschi, somiglia infatti molto a quella più volte osservata in ricerche passate negli uomini. Si sostanzia non solo nella continua necessità di fruire di questo genere di prodotti, video e foto, ma anche nell’eccessiva masturbazione e nella promiscuità. Stando all’indagine, pubblicata sulla rivista Cyberpsychology, Behavior and Social Networking, la porno dipendenza è più preoccupante del previsto: se ne dice colpito il 17% delle donne.





La ricerca ha ruotato intorno a 102 giovani donne fra i 18 e i 29 anni divise in diversi gruppi: uno consumatore di materiale pornografico online, un altro privo di quest’abitudine e altri due composti in base all’uso di strumenti di cybersex come chat, webcam o portali di incontri. Diversi i test e le verifiche messe in campo, in particolare rispetto ai livelli di eccitazione riscontrati alla vista di 100 immagini pornografiche, divise in dieci diverse categorie e presentate in ordine casuale, e al successivo richiamo sessuale espresso tramite una votazione.

“I risultati – hanno riferito i ricercatori – indicano che gli utenti abituali di porno in internet trovano le immagini pornografiche più eccitanti e hanno riportato maggiore desiderio rispetto ai non utilizzatori”. Non basta: il richiamo sessuale delle immagini, la sensibilità all’eccitazione e comportamenti problematici predicono spesso all’allargamento della dipendenza a strumenti di sesso online.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!