PORTO PESCARA: PROVVEDITORE A D’ALFONSO, ”PRONTI A COLLAUDO OPERE REALIZZATE”

19 Luglio 2020 08:00

L’AQUILA – Sono stati conferiti gli incarichi per il collaudo dei lavori di apertura della diga foranea e delle opere di protezione del porto di Pescara, nonché per i primi interventi di adeguamento strutturale per realizzare una barriera soffolta.

Lo ha comunicato il responsabile del procedimento in capo al Provveditorato interregionale per le Opere pubbliche, l’ingegner Gennaro Di Maio, rispondendo alla richiesta inviata direttamente al Provveditore, Vittorio Rapisarda, dall’ex governatore abruzzese, oggi senatore del Pd, Luciano D’Alfonso.

La lettera di D’Alfonso risale allo scorso 13 luglio.

Due le questioni sollevate: il collaudo delle opere già realizzate nel porto di Pescara per procedere alla consegna; la messa in esercizio delle colonnine capaci di erogare sia il servizio idrico per le imbarcazioni che l’energia elettrica.

“So che i lavori sono stati fatti – ha scritto D’Alfonso a Rapisarda – e, anche in questo caso, deve essere fatta la verifica tecnica di perfetta esecuzione a regola d’arte. Poiché mi viene rappresentato questo come atteso, ormai da tempo, ti prego di realizzare quest’ultimo sforzo amministrativo, per fare in modo che anche su questo piano il porto di Pescara guadagni la capacità di funzionamento tecnico che hanno il porto di Ortona e il porto di Ancona”.

Nella nota D’Alfonso ha sottolineato anche il tema della vasca di colmata, chiedendo lo stato della procedura. 




Rapisarda ha inviato una risposta a D’Alfonso, ringraziandolo per le parole di apprezzamento ritenute “di particolare significato giacché rivolte da chi, conoscendo come pochi la realtà pescarese, alla piena consapevolezza dell’impegno profuso”.

Quanto alle due questioni evidenziate dall’ex governatore, Rapisarda lo ha informato che il collaudo delle opere già realizzate è in corso di espletamento e a breve verrà effettuata la visita dei luoghi, con successiva riconsegna dei manufatti e delle aree in carico al Provveditorato.

Rapisarda ha chiarito che “questo non inficia in alcun modo l’appalto delle opere di realizzazione dei due moli guardiani a cura della Regione”.

Per quanto riguarda le colonnine per l’erogazione del servizio idrico ed elettrico, infine, Rapisarda ha detto che sono in corso di ripresa i lavori a seguito della sospensione per il coronavirus.

Infine per i lavori di svuotamento della vasca di colmata, recentemente appaltati, è in corso, insieme alla Regione, la ricerca di un sito compatibile dove depositare il materiale.   

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: