PRATOLA PELIGNA: TRUFFA FONDI COVID, SEQUESTRATI 2,5 MILIONI A SOCIETA’ CON SEDE A PADOVA

23 Gennaio 2023 13:10

L'Aquila - Cronaca

L’AQUILA – Una impresa immobiliare con sede nella provincia  di Padova e che si era recentemente trasferita a Pratola Peligna, in provincia dell’Aquila,  avrebbe utilizzato bilanci e documenti ritenuti falsi, nel periodo immediatamente successivo al lockdown, per richiedere e ottenere ingenti finanziamenti da diversi istituti di credito, assistiti dalla garanzia dello Stato concessa a sostegno delle piccole e medie imprese.





E’ quanto emerge da un inchiesta della procura di Padova, che ha portato i finanzieri del Comando Provinciale di Padova ad effettuare un sequestro preventivo per un importo complessivo di 2,5 milioni di euro circa, di beni e disponibilità finanziarie riconducibili a due amministratori della società, indagati per indebita percezione di erogazioni pubbliche e reati societari.  ù





A mettere sulla strada giusta gli investigatori sono stati alcuni elementi di indagine: la società si era trasferita in un ‘rudere’, senza utenze né dipendenti nemmeno contratti di lavoro operativi. Si trattava quindi di una società non operativa, e l’operazione finanziaria era esclusivamente cartacea. Per risultare meritevoli del credito bancario gli indagati avrebbero falsificato i bilanci, aumentato fittiziamente il capitale sociale, predisposto dossier relativi ad asseriti investimenti e progetti da realizzare, richiedendo, parallelamente al finanziamento, la garanzia dello Stato concessa da apposito Fondo a sostegno delle piccole e medie imprese.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: