Presentata una nuova guida turistica dalla Provincia di Pescara.

6 Marzo 2009 00:00

- Cultura

Con la Provincia tra le vie del borghi.
Presentata una nuova guida turistica dalla Provincia di Pescara.





Dopo le precedenti dedicate all’agriturismo, agli itinerari cicloturistici (vacanza in bicicletta) e al benessere e allo sport (mare e terme) , è la volta di “Tra le vie dei Borghi”. La guida, realizzata da Easylife – Comunicazione ed eventi, è stata presentata dall’assessore al turismo Paolo Fornarola  nella sala Giunta del Palazzo della Provincia di Pescara. La guida è in italiano e inglese, 196 pagine, 111 foto, 8 cartine, 46 schede. Sei itinerari, ognuno dei quali attraversa quattro  borghi del pescarese. Tutti gli itinerari partono da Pescara. Ogni itinerario è caratterizzato da precisi riferimenti storici con indicazioni sui luoghi da vedere, gli elementi del folklore, gli appuntamenti principali e l’enogastronomia con i prodotti la cui lavorazione si è tramandata nel tempo fino a conquistare un mercato di qualità.
Tante inoltre le curiosità raccontate, come lo stemma di Città S. Angelo disegnato e dipinto su stoffa da Francesco Paolo Michetti; la chiesa di San Giovanni Battista di Penne, che è stata unica sede in Abruzzo dell’Ordine di Malta; il passaggio di San Francesco nel 1216 a Montesilvano Colle; le grotte di Capineto della Nora rifugio di briganti; la traccia dell’artista Joseph Beuys a Bolognano; la leggenda del fantasma della dama bianca nel Castello di Salle. I sei itinerari sono: Lungo la via dei Longobardi (Pescara, Spoltore, Città S. Angelo, Loreto Aprutino); Lungo la via dei Normanni (Pescara, Penne, Farindola, Montebello di Bertona); Lungo la via dei Franchi (Pescara, Montesilvano Colle, Vicoli, Carpineto della Nora); Lungo la via degli Svevi (Pescara, Bussi sul Tirino, Pescosansonesco, Corvara); Lungo la via degli Angioini (Pescara, Bologano, San Tommaso- Caramanico Terme, Salle); Lungo la via degli Aragonesi (Pescara, Villa Badessa-Rosciano, Manoppello, Abbateggio). “Da sempre vicino alle realtà dei centri piccoli e medi che rendono unica la costa come la collina, fino a dove cominciano le montagne abruzzesi – scrive nell’introduzione l’assessore al Turismo della Provincia di Pescara, Paolo Fornarola – questo assessorato vuole offrire uno strumento utile alla scoperta di realtà uniche, rivolgendosi al turista, al curioso, a chi è in cerca di un week end denso di piacevoli scoperte. La guida invita a muoversi in un territorio accogliente e autentico, consapevole del passato e pronto per il futuro”.





Fonte: Provincia di Pescara

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: