PRESIDENTE PROVINCIA TERAMO VISITA VALLE CASTELLANA, L’8 MARZO IL REFERENDUM

31 Gennaio 2020 17:01

TERAMO – “Voglio che le persone si sentano libere di parlare e raccontare, non mi interessano le fazioni organizzate. Il disagio di una popolazione che vive in condizioni ambientali molto complicate non può essere cavalcato da nessuna parte politica. Visiterà tutte le frazioni, Valle Castellana deve rimanere a Teramo e non è una questione che riguarda solo la nostra provincia, ma tutto l'Abruzzo”. 

Così ieri il presidente della Provincia di Teramo, Diego Di Bonaventura, si è recato a Pietralta, una delle numerose frazioni di Valle Castellana, il Comune al confine con il territorio di Ascoli Piceno dove l'8 marzo si vota per decidere se rimanere in Abruzzo o chiedere l'annessione alle Marche. Valle Castellana, incastonata fra i Monti della Laga, è uno dei territori messo a dura prova dalle caratteristiche di questo territorio, tanto suggestive quanto complesse. Interessata da importanti fenomeni di dissesto idrogeologico con piccole frazioni scarsamente abitate e un reticolo di strade spesso interessato da frane e smottamenti. 

“La vivibilità quotidiana è messa a dura prova – sottolinea Di Bonaventura – la manutenzione delle strade, qui, con le condizioni ambientali esistenti, ha costi altissimi e negli ultimi anni non c'è stata quella manutenzione costante ordinaria e straordinaria indispensabile a garantire una viabilità accettabile. Valle Castellana deve rimanere a Teramo, non vogliamo nemmeno prendere in considerazione altre alternative che, peraltro, non sarebbero affatto risolutive dei problema di questa zona”. 





Con i finanziamenti che la Provincia ha messo in campo, fondi sisma e manutenzioni, oltre ai due milioni e trecentomila già spesi, ci sono circa altri tre milioni coperti da finanziamento con il sesto stralcio Anas e con il Piano triennale delle opere pubbliche. 

“Con questi fondi interveniamo nei tratti più critici – continua il presidente – primo fra tutti quello che dal Ceppo sale a Pietralta e Morrice; sulla provinciale 52, sulla 49 e sulla 48. Ma non è solo un problema di strade, anche per questo siamo rientrati nel Cotuge il consorzio che gestisce il comprensorio sciistico di Monte Piselli. Un piccolo gioiello turistico che può contribuire alla rinascita di questa zona. Come noto la Provincia non ha più alcuna competenza in materia turistica è chiaro che dobbiamo lavorare di concerto con la Regione Abruzzo: gli enti locali devono aggregarsi con progetti di comprensorio. Dobbiamo sconfiggere il senso di abbandono che emerge forte parlando con i cittadini”. 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!