PRIMARIE PD: PIETRUCCI, ”GRAZIE A TUTTI, AVETE VOLUTO CAMBIARE”

1 Aprile 2014 16:20

L’AQUILA – “Mille sms, tantissimi messaggi su Facebook. Impossibile rispondervi uno a uno, così come avrei voluto fare. Userò la rete, quella stessa dalla quale mi avete fatto arrivare il vostro sostegno e il vostro incitamento, per ringraziarvi, tutti e singolarmente”.

Così in una nota il candidato consigliere regionale del Partito democratico dell’Aquila, Pierpaolo Pietrucci, ringrazia chi lo ha sostenuto nella vittoria alle primarie contro il competitor Alfredo Moroni.

“Questa vittoria è la vostra vittoria. La vittoria di chi ha saputo credere nel rinnovamento, di chi ha avuto il coraggio di scegliere, anche pubblicamente, il cambiamento – scrive – perché nella vita hai due possibilità: lasciare le cose come stanno o assumerti la responsabilità di cambiarle!”.






Secondo il candidato, “non era scontato questo risultato eccezionale. Abbiamo avuto, tutti insieme, la forza di crederci e abbiamo prodotto un'onda che ha travolto, e stravolto, i vecchi schemi – prosegue – Tutti voi siete stati il motore del mio coraggio. Quel coraggio che ho dovuto ritrovare, mettendo il cuore e la testa oltre l'ostacolo, per essere più forte della sofferenza, delle ingiustizie subite, di tutto quello che ho dovuto ingoiare”.

“Mangiando polvere, risparmiando fiato per correre, stringendo i denti e guardando solo alla meta, come nel campo di gioco. E come nel gioco la vittoria è della squadra – sostiene – È mia e vostra insieme. E insieme dobbiamo continuare a crederci, a combattere, per dare alle aree interne una rappresentanza in Regione, per non restare al palo, come accade da troppo tempo”.

“Da domani sarò di nuovo al lavoro, ventre a terra, con umiltà e senza dare niente per scontato, come ho sempre fatto. Tenendo la porta aperta, come è sempre stata quella del mio ufficio. Per ora grazie! Grazie a tutti voi. Grazie per aver creduto con me, di aver creduto in me”, conclude.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: