“QUARTO DIARIO EMOZIONALE” DI MASSIMO PASQUALONE, L’ARTE E LA POESIA AL TEMPO DELLA PANDEMIA

23 Ottobre 2020 11:51

L’arte, la scrittura, la narrazione come antidoto al dolore della pandemia.

Nel “Quarto diario emozionale”, il critico d’arte Massimo Pasqualone ha selezionato i testi e le opere di scrittori di tutta Italia, analizzando con sapiente maestria gli elementi di una creazione artistica, sviscerando la profondità di ogni singolo artista, cogliendo nel profondo la sintesi emozionale delle parole come strumento privilegiato per descrivere emozioni ed esprimere desideri.

In un’analisi introspettiva che è essenza stessa dell’arte.

Dai luoghi arcaici e naturali tratteggiati da Ecle Bonifacio, tra i monti del Sannio, ai percorsi pittorici della romagnola Margherita Casadei. Dalle sillogi poetiche del campano Roberto Lasco agli scritti sulla terra d’Abruzzo della giornalista aquilana, Monica Pelliccione. Dalle digressione di Ersilia Daniela Cataldo, nata a Zurigo e residente ad Avellino, ai laboratori filosofici di Giuliano Franco Committo, di Sulmona, solo per citarne alcuni.




Una carrellata di artisti e scrittori, di cui Pasqualone ha saputo cogliere brillantemente gli aspetti personali e le cifre stilistiche, in un pregevole esercizio di forma e analisi, in un percorso di collegamento tra i produttori e i fruitori di cultura.

Pasqualone, critico d’arte e letterario, ha al suo attivo oltre 400 pubblicazioni e consulenze scientifiche per enti pubblici e privati.

Attualmente è direttore dell’enomuseo di Tollo, presiede l’Istituto per lo studio, il recupero e la valorizzazione del dialetto abruzzese ed è consulente del museo Guidi di Forte di Marmi, dell’archivio Lazzaro di Milan e dell’Atelier Nan Yar di Blankenberge, in Belgio.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: