RACCOLTA DIFFERENZIATA ROCCARASO: SINDACO VS “AMBIENTALISTI DA SALOTTO CHE PARLANO A VANVERA”

15 Febbraio 2022 11:33

L'Aquila - Abruzzo

ROCCARSO – “La raccolta differenziata a Roccaraso sfiora una quota dell’80% e nei giorni scorsi la Giunta comunale ha dato il via libera ad un progetto da quasi un milione di euro che prevede la realizzazione di 10 isole ecologiche completamente informatizzate proprio per favorire il conferimento dei rifiuti da parte delle migliaia di turisti che ci scelgono per le loro vacanze. Non siamo certo all’anno zero e non abbiamo bisogno di lezioni”.

Con queste parole il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato, ha risposto alla lettera aperta dell’associazione di volontari “Salviamo l’orso”.

“Ho letto una serie accuse imprecise e sconclusionate nella lettera aperta che mi è stata inviata ieri – ha aggiunto Di Donato -. Intanto mi piacerebbe sapere chi rappresenta quest’associazione e soprattutto quali risultati misurabili ha ottenuto dalla sua fondazione. Mi sembra quantomeno singolare che i vertici dei Parchi nazionali, delle società che gestiscono i rifiuti e degli Enti locali dialoghino con questo signore che parla con troppa disinvoltura di Roccaraso, di promozione turistica, tutela ambientale, gestione dei rifiuti e dei fondi pubblici. Una lezione di tuttologia che danneggia l’immagine di Roccaraso che non ha risparmiato nessun milione di euro di promozione turistica visto che si tratta di una competenza esclusiva della Regione”.

“Io  – aggiunge Di Donato -per affrontare la vicenda di Juan Carrito mi sono affidato al Parco, agli specialisti e alle forze dell’ordine. Continuerò su questa strada, non ho bisogno di altri consulenti – conclude il sindaco di Roccaraso-  i veri volontari sono quelli che ogni week end aiutano un Comune di mille abitanti a gestire più di ventimila presenze sul territorio. Gli altri sono ambientalisti da salotto che sovente parlano a vanvera e che cercano di ritagliarsi un ruolo che, per fortuna della nostra montagna, nessuno gli darà mai”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: