RADDOPPIO FERROVIA PESCARA-ROMA: I TIMORI DI AMICONE,”IL TRACCIATO COLPO FATALE PER CHIETI SCALO”

1 Giugno 2023 13:46

Chieti - Economia, Politica




CHIETI –  “Sono sulla stessa posizione dei comitati di cittadini che si oppongono a questo tracciato del raddoppio ferroviario della linea Pescara Roma. I cittadini vanno ascoltati, lo sanno tutti che un’opera è utile solo se rappresenta un bene per il territorio e non ammetterlo è sempre poco corretto” lo afferma Luca Amicone, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle nel comune di Chieti.
“Un’opera così impattante soprattutto nella fase di realizzazione – spiega l’esponente pentastellato – provocherebbe una ferita fatale per Chieti Scalo, Brecciarola e San Martino. Un cantiere che durerà molti anni al centro della città, su un’area che si sviluppa proprio sulla via principale, la Tiburtina, parallela al tracciato ferroviario. Questa situazione provocherà molti disagi a cittadini, ad attività commerciali e a tutti i servizi per la popolazione. La vivibilità della città subirà moltissimi danni che non saranno mai più recuperati. Lo spopolamento che si prospetta per la città di Chieti sarà inesorabile. Non è allarmismo ma è la capacità di visione che nasce da chi vive il territorio da sempre”.
“Proprio per questo – aggiunge Amicone – sono fermamente convinto che il comune debba fare di tutto per evitare che un cantiere gigantesco soffochi Chieti Scalo. Diciamolo chiaramente, la parte produttiva e viva della città è proprio Chieti Scalo, la presenza dell’università e del policlinico generano meccanismi positivi in termini di attività commerciali e vivacità della città. Purtroppo non tutti sono coscienti di questo ed è una grande miopia della politica regionale che continua a vessare sulla nostra comunità, prima con la chiusura del distretto sanitario e adesso spingendo per la realizzazione di un tracciato nel pieno centro cittadino. Come Movimento 5 stelle di Chieti – conclude – ci opporremo in tutte le sedi”.





Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: